Covid: scoperti i punti deboli del virus: serviranno per nuovi vaccini

Un nuovo modello dettagliato della superficie della proteina Spike rivela vulnerabilità sconosciute. Potrebbero aiutare a sviluppare nuove medicine
3 minuti di lettura

LA PROTEINA Spike del Coronavirus come non si era mai vista. I ricercatori del Max Planck Institute of Biophysics di Francoforte hanno creato un modello dinamico altamente specifico della struttura molecolare più esterna al nuovo coronavirus, rivelando potenziali nuovi bersagli per il vaccino e la cura della sindrome respiratoria che causa. Fino ad oggi conoscevamo modelli statici che, pur essendo molto dettagliati, non erano in grado di definirne la flessibilità né i movimenti, quindi tutti i vaccini attualmente in commercio si basano su target immunologici più esposti del virus, quindi anche più variabili.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori