Ottobre mese della prevenzione dentale, le iniziative online

Quest'anno si punta su anziani, bambini e diversamente abili
1 minuti di lettura
Oltre 1 milione di visite, migliaia di ore di consulenza professionale, kit informativi sulla prevenzione dentale consegnati negli anni a famiglie distribuite su tutto il territorio nazionale. Sono alcuni dei traguardi raggiunti dal mese della Prevenzione Dentale, l'unico programma di prevenzione odontoiatrica attivo in Italia fin dal 1980 e frutto di una partnership consolidata tra Andi (Associazione nazionale dentisti italiani) e Mentadent (brand del gruppo Unilever). Nell'anno della sua quarantesima edizione, il progetto si arricchisce attraverso un programma dedicato della durata di 5 anni. In particolare, i dentisti volontari Andi intraprenderanno un percorso in favore degli ospiti di case-famiglia, residenze per anziani e centri per persone diversamente abili, con la collaborazione di Anaste (Associazione nazionale strutture terza età) e Sioh (Società italiana di odontostomatologia per l'handicap).

Si curano in pochi

Secondo gli ultimi dati solo il 45,8% degli italiani ha fatto ricorso a cure dentali nell'anno, rispetto al 60,1% della media dei paesi europei e all'81,9% della Germania. Inoltre, nella fascia over 65 della popolazione, esistono grosse differenze tra le diverse zone della Penisola; si passa infatti dal 40,6% degli abitanti del Centro al 27,9% del Sud. Ancora più delicata la questione dell'odontoiatria speciale: oltre 3 milioni di cittadini sono interessati da forme di disabilità, il 4,7% della popolazione anziana è affetta da demenza o dal morbo di Alzheimer e il numero di persone non autosufficienti è in continuo aumento. Pazienti in condizioni di grave disabilità, spesso non collaboranti e affetti da più di una patologia, per i quali un cavo orale non in salute ha un impatto ancora più severo sulla salute generale. Grazie alla sinergia con Anaste, entro il 2021 saranno coinvolte almeno 20 Rsa ed entro dicembre di quest'anno in 10 centri Sioh specializzati per la cura dei pazienti diversamente abili sarà attivato un progetto educativo con l'obiettivo di aumentare entro il 2021 il numero delle strutture coinvolte fino a coprire la quasi totalità dei centri su tutto il territorio nazionale.

I bambini

Ma aver cura dei denti è una cosa che si impara da bambini e quindi saranno coinvolti anche i bambini della scuola primaria e dell'infanzia, e quest'anno un'attenzione speciale sarà dedicata anche alle case-famiglia; prima struttura coinvolta sarà l'Istituto degli Innocenti di Firenze con 200 bambini interessati. E sempre a Firenze da oggi cominciano le attività del nuovo studio odontoiatrico mobile di Fondazione Andi Onlus, supportato da Mentadent, per affiancare i dentisti volontari nell'erogare servizi di prevenzione anche a coloro che molto difficilmente avrebbero accesso a cure dentali.