Beauty
Beauty

Ciglia e sopracciglia, guida completa alla laminazione

Avere uno sguardo curato è un sicuro strumento di fascino, sia per lui che per lei. Ecco tutti i segreti e le caratteristiche della laminazione, la più recente tra le tecniche di cura estetica per ciglia e sopracciglia

2 minuti di lettura

È da più di un anno che le uniche parti visibili di un viso sono gli occhi e le sopracciglia. Mai come in questo ultimo periodo sempre più persone si sono prese cura del proprio sguardo. E ora con l’estate, dove tra bagni al mare e in piscina l’effetto mascara sbavato è assicurato, sono molto utili alcuni “trucchetti” che garantiscono ciglia e sopracciglia perfette in ogni momento. Parliamo di laminazione ciglia e sopracciglia.

Che cos’è la laminazione delle ciglia

"Non è altro che dare stile al proprio sguardo. Ha presente il mascara? La sua definizione? La laminazione tramite l’uso di un bigodino apposto sulla palpebra mobile, prodotti anallergici e tintura, delinea la curvatura delle ciglia. L’effetto dura in media un mese e mezzo, due", ci spiega Cristina Gerloni, giovane imprenditrice che nel 2013 insieme alla sorella Eleonora, ha realizzato il suo sogno: aprire Salon De Beauté.  

"Questo trattamento possono farlo tutti. Solo alle donne in gravidanza consigliamo di provare la laminazione dopo l’allattamento. Si usa della tintura, con un volume di ossigeno bassissimo, per creare l’effetto mascara. Per evitare qualsiasi tipo di rischio consigliamo di rimandare".

Laminazione delle ciglia vs extension

"Uno degli errori più comuni è confondere i due servizi. Sono completamente diversi. Se la laminazione definisce lo sguardo regalando un effetto no make-up molto naturale. Le extension rendono più corposa l’arcata con l’applicazione di ciglia finte. Quando le ciglia arrivano alla fase telogen (quando la ciglia perde  tutti i suoi sistemi di ancoraggio con il follicolo e quindi cade lasciando il posto a la nuova, ndr) l’arcata si dirada sempre di più".

Come avere uno sguardo curato al naturale

"Esistono molti semplici rimedi per “coccolare” le ciglia. Non si deve strofinare l’occhio quando lo si strucca. Si deve scegliere con molta attenzione il latte detergente o il mascara. Un cosmetico troppo “intenso e pesante” può danneggiare l’arcata. Stiamo sempre parlando della zona perioculare, tra le più delicate di tutto il corpo".

Che cos’è la laminazione delle sopracciglia

È considerata la “sorellina minore” del microblading. "Le sopracciglia negli ultimi anni sono diventate una parte fondamentale nella cura del viso. La laminazione da un effetto pettinato al pelo. Fissando l’arcata sopraccigliare, si apre lo sguardo". Con gli stessi prodotti usati per le ciglia e un pettinino, si sottolinea l’aspetto stilistico dello sguardo.

 "Solitamente dura un mese. In molti lo provano perché non sono ancora pronti a fare qualcosa di più duratura e semi permanente come il microblading". Spesso la laminazione viene eseguita su persone che hanno già fatto il tatuaggio cosmetico per massimizzare l’effetto.

Gli errori da non fare con la laminazione

"Durante le prime 24 ore dal trattamento non si dovranno bagnare con acqua ciglia e sopracciglia. In molti chiedono se possono truccarsi gli occhi, le sopracciglia o mettere ugualmente il mascara per un effetto ancora più intenso. La risposta è sì, certo che si possono usare cosmetici. Si dovranno evitare quelli waterproof e per struccarsi meglio non usare oli o acqua micellare". Anche se online sono in vendita molto kit fai da te è meglio desistere alla tentazione.

"Secondo me se esiste una figura professionale in qualsiasi campo, c’è un motivo. È una tecnica che prevede tempi di posa e uso di materiali specifici. Ricordiamo che stiamo parlando della zona perioculare, delicatissima”

False paure legate alla laminazione

"Tra le paure più comuni delle clienti è che si possano indebolire le ciglia o le sopracciglia. Non è possibile. Poi, nel mondo beauty esistono tantissimi prodotti che nutrono le ciglia, dai sieri ai primer con principi attivi".

Il consiglio, però, rimane sempre lo stesso: prendersi cura del proprio sguardo con delicatezza.