Matrimoni high-tech: la tecnologia che rende le nozze speciali (nonostante la pandemia)

Sposarsi al tempo del covid: tra realtà virtuale, photo booth da remoto, guest book digitali e ologrammi, la tecnologia rende speciale anche l'evento a distanza

2 minuti di lettura
Quello del matrimonio è universalmente considerato un giorno speciale, ma la pandemia di Covid-19 ha tolto una buona fetta di magia al lieto evento (in molti casi lo ha addirittura cancellato), tra ospiti che si contano sulle dita di una mano, location da ridimensionare, buffet proibiti, feste cancellate, baci e abbracci eliminati. Tuttavia un modo per continuare a rendere speciale il giorno delle nozze anche in versione distanziata c’è, ed è affidarsi alla tecnologia. Volenti o nolenti, la pandemia ci ha fatto fare un salto in avanti verso quel futuro iper-tecnologico che la fantascienza pronosticava già da un po’. Dunque, dite addio – temporaneamente – al romanticismo come lo avete concepito fino ad oggi e abbracciate tutto ciò che il mondo virtuale ha da offrire per un matrimonio high-tech davvero speciale.

Nozze in realtà virtuale

Da quando amici e parenti non possono partecipare, molte coppie si sono organizzate con i matrimoni in streaming, grazie alle piattaforme come Zoom e simili che il lockdown ci ha insegnato a conoscere molto bene. Ma per far ‘immergere’ davvero gli ospiti fisicamente non presenti nell’atmosfera della cerimonia, alcune aziende propongono oggi il filmato a 360°, realizzato con una modalità di ripresa che permette di rivivere il grande evento attraverso la realtà virtuale. Indossando un apposito visore, si potrà ‘entrare’ nella location delle nozze e guardarsi attorno per vivere il prezioso momento. Si tratta di servizi che di solito sono dedicati agli sposi, e propongono una formula diversa, più interattiva, del classico filmino, ma dato il momento storico nulla vieta di farlo diventare uno strumento per permettere anche agli ospiti di partecipare virtualmente, offrendo loro gli appositi visori. Diverse aziende straniere offrono questo servizio, e anche in Italia alcuni operatori si stanno specializzando nella proposta, come Weddingdrone.
 

Gli ospiti-ologramma

Qualcuno l’ha trovata romantica, qualcun altro piuttosto inquietante, ma l’idea che ha avuto Kanye West per celebrare il compleanno di Kim Kardashian potrebbe aver stabilito un precedente. Il cantante e produttore ha infatti regalato alla moglie un ologramma del padre deceduto, con tanto di discorso affettuoso (visti i persistenti rumors di divorzio imminente tra Kim e Kanye probabilmente l’idea non è stata molto apprezzata). Ebbene, oggi si può utilizzare questo espediente per invitare al proprio matrimonio celebrità, star della musica, o, perché no, amici lontani. Occorre contattare un’azienda che realizza ologrammi (quella di Kanye è la Kaleida, che ha diverse sedi nel mondo e potenzialmente è operativa ovunque, ma ne esistono molte, anche in Italia) e accordarsi per la partecipazione virtuale, in modo che il matrimonio diventi davvero memorabile.

Photo booth da remoto

Una delle conseguenze più tristi del matrimonio a distanza (dagli invitati) è la mancanza di fotografie. E soprattutto delle fotografie buffe, di quelle che, messe da parte le pose da album dei sogni, immortalano momenti divertenti della festa. Spesso al ricevimento di nozze si allestiscono delle cornici, degli sfondi e si lasciano in dotazione accessori buffi perché gli invitati (e gli sposi) si prestino al gioco del photo booth: ebbene, in mancanza di una festa 'fisica', il photo booth diventa virtuale, grazie ad app e strumenti digitali che permettono di creare uno sfondo ad hoc su cui scattare dei divertenti selfie. Sposi e invitati virtuali possono quindi creare un album foto digitale avendo tutti lo stesso sfondo, e non solo quelli standard di ogni applicazione per videochiamate o fotografie: OutSnapped ad esempio è uno studio che propone il photo booth virtuale personalizzato, con un design pensato appositamente per il proprio evento, comprese le nozze.

Il guest book digitale

Uno dei ricordi che rimane dal giorno delle nozze è il guest book, il libro degli ospiti che tutti gli invitati firmano, e magari arricchiscono con una dedica per ricordare il proprio affetto agli sposi. Come serbare questo piacevole ricordo se gli amici non possono partecipare al ricevimento? Con il libro degli ospiti digitale, ovviamente: esistono diverse app che permettono di convididere con i propri invitati virtuali una cartolina personalizzata che ognuno può arricchire con dediche, firme, fotografie. My Digital Guest Book è l'applicazione che oltre a consentire tutto questo stampa e invia un vero e proprio libro delle dediche direttamente a casa degli sposi, perché il gesto virtuale diventi un ricordo tangibile. L'app consente anche di creare cartoline con photo booth.