Ucraina, la frenata tedesca: Berlino rallenta sulle sanzioni e non rinuncia al gas

Scholz sotto il fuoco delle critiche cerca sponde a Parigi: Macron sentirà Putin

La Germania frena, punta i piedi, recalcitra all’idea di un conflitto militare con la Russia alle porte di casa. Finge di ignorare il tintinnar di sciabole e ripete il suo mantra: «Se ci sarà una violazione dell’integrità territoriale dell’Ucraina i costi saranno molto alti». Nel frattempo però, esportare “armi letali” rimane fuori discussione. E per uscire dall’isolamento in cui rischia di finire, dopo che gli alleati europei hanno fatto a gara per offrire sostegno all’Ucraina in termini di sistemi d’arma, Berlino cerca e trova la sponda dell’alleato francese. Il presidente Emmanuel Macron ieri è arrivato nella capitale tedesca per ribadire che sull’Ucraina tra i due Paesi c’è «unità»: «entrambi lavoriamo ad una de-escalation delle tensioni», per un dialogo con Mosca a tutti i livelli e formati possibili. Venerdì si sentirà con Vladimir Putin, mentre stamattina si comincerà a Parigi con il primo incontro del Formato Normandia a livello di consiglieri diplomatici. È la prima volta dal 2019 che tornano a sedersi allo stesso tavolo rappresentanti di Russia e Ucraina, con la mediazione di Francia e Germania. L’intenzione è rimettere in moto un discorso interrotto e provare «a imprimere una dinamica positiva» su temi concreti, ha spiegato Macron in conferenza stampa.

Ma le critiche al governo di Berlino rimbalzano sulla stampa tedesca, soprattutto sulla questione dell’export di armi. Tre giorni fa il ministro degli Esteri di Kiev Dmytro Kuleba si è detto «deluso dal continuo rifiuto della Germania di autorizzare la fornitura di armi difensive», in un’intervista a Welt, e il giorno dopo su Bild il sindaco della capitale ucraina, Vitali Klitschko, ha accusato Berlino di «tradimento» e di «omissione» di soccorso. Sorvolando sul fatto che le critiche maggiori trovano spazio sui quotidiani del gruppo Axel-Springer, come Welt e Bild, che non mancano occasione per rintuzzare il governo a guida socialdemocratica, è vero che la pressione su Berlino aumenta di giorno in giorno da parte degli Stati vicini. Come nella vicenda dei 9 obici di tipo sovietico D-30 dell’ex esercito della Ddr che l’Estonia vorrebbe dare all’Ucraina ma non può. Per farlo servirebbe l’autorizzazione tedesca. Grande imbarazzo a Berlino hanno suscitato poi le dichiarazioni nel fine settimana del vice-ammiraglio della marina militare Kay-Achim Schoenbach. Durante un incontro pubblico in India l’alto ufficiale ha definito il timore di un’aggressione russa in Ucraina un «nonsense», «la Crimea è perduta e non ritornerà mai», l’Europa «ha bisogno della Russia contro la Cina», e Vladimir Putin vuole solo «essere trattato con rispetto». Di fronte allo tsunami suscitato da tanta naiveté, il militare è stato costretto alle dimissioni, accettate a tempo di record dalla titolare della Difesa Christine Lambrecht.

La solidarietà offerta da Berlino all’Ucraina è di tipo diverso, ha ricordato ieri Scholz. Si concretizza nell’assicurare al Paese che rimanga terra di transito del gas russo, garantendo il prolungamento dei suoi contratti, si attua nei rapporti economici e nelle prospettive future di collaborazione su rinnovabili ed energia a idrogeno e sul piano militare, nel sostenere i costi di un ospedale da campo. «L’Ucraina sa che può contare sulla Germania come partner» ha ribadito Scholz, ignorando le critiche di Kiev. Le ragioni della cautela di Berlino sulla Russia hanno radici antiche ma pragmatiche. «La Russia è un partner difficile ma non è un nemico dell’Europa» ha ribadito il leader dei conservatori bavaresi, Markus Soeder in un’intervista alla Frankfurter Allgemeine Zeitung, dando voce a una consapevolezza radicata tanto nel campo conservatore quanto in quello socialdemocratico. La Germania ha un forte interscambio commerciale e economico con la Russia e sul piano del gas «nessuno approfitta tanto dal gas russo quanto la Germania» tanto che «nemmeno nei tempi più bui della guerra fredda si è messa in discussione il legame energetico tra Unione sovietica e Germania», ha aggiunto Soeder sulle sanzioni. Le “misure restrittive”, infatti, sono la vera ragione della cautela tedesca. «La clava più dura non è sempre la spada più intelligente» ha fatto sapere la ministra degli Esteri Annalena Baerbock a Bruxelles, commentando le sanzioni. Per esempio spaventa gli imprenditori tedeschi l’opzione di tagliare fuori le banche russe dalle operazioni di pagamento internazionali che funzionano tramite il fornitore di servizi Swift, riferisce Handelsblatt.

Intanto la Croazia si sfila e fa sapere che non parteciperà alle operazioni della Nato in Europa dell’Est ma ritirerà il suo contingente dalla Polonia. 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Processo Depp, Kate Moss smentisce Heard: “Non mi ha mai picchiata durante tutta la relazione”

Insalata tiepida di cous cous con ceci neri, cipollotti e tonno

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi