È morto il colonnello Edward Shames, l’ultimo sopravvissuto della “Band of Brothers”

Aveva 99 anni, è stato immortalato nella serie tv prodotta da Spielberg

È morto all'età di 99 anni Edward Shames, colonnello in pensione dell'esercito degli Stati Uniti, ultimo sopravvissuto del reggimento di paracadutisti della Seconda Guerra Mondiale, immortalato nel libro e nella successiva serie televisiva di guerra 'Band of Brothers'. Shames «è morto serenamente nella sua casa» nello stato della Virginia, secondo il necrologio pubblicato venerdì, giorno della sua morte, e ripreso dalla Cnn.

Il necrologio ricorda che Shames «partecipò ad alcune delle più importanti battaglie della guerra», a cominciare dallo sbarco sulle spiagge della Normandia, durante l'Operazione Overlord del 1944. Inoltre, fu il primo membro dell'unità del suo reggimento, la Easy Company, a varcare i cancelli del campo di sterminio nazista di Dachau, poco dopo la sua liberazione. Entrò anche nella residenza alpina del dittatore Adolf Hitler, il cosiddetto «nido d'aquila», dove «prese alcune bottiglie di brandy».

Dopo la guerra, Shames lavorò come esperto di affari mediorientali per la National Security Agency e partecipò a diversi documentari sul conflitto. Il suo ruolo nella famosa serie Hbo, prodotta da Steven Spielberg e Tom Hanks, è stato interpretato dall'attore Joseph May.

Video del giorno

Tutto calcolato, tra il superyacht e il ponte ci sono solo 12 centimetri

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi