Meno brindisi di Natale, addio a 1,2 miliardi

Coldiretti: le feste a numero chiuso in casa e al ristorante ridurranno il consumo di vino e spumante

Si potrebbe immaginare: con o senza cenoni e veglioni di Natale e Capodanno, la gente stapperà comunque bottiglie di vino e spumante, come sempre. Ma gli analisti del settore prevedono che le cose non andranno così: la ridotta convivialità si tradurrà anche in un minor numero di calici sollevati. Un’indagine Coldiretti/Xiè valuta in 1,2 miliardi di euro la perdita potenziale dovuta al numero chiuso a casa e al ristorante. A questo potrebbe contribuire anche una minore propensione a spendere delle famiglie in un periodo di crisi economica oltre che sanitaria.

Le feste di fine anno fanno registrare tradizionalmente il massimo di domanda di spumanti e vino italiani; a pesare su questi consumi nel 2020 saranno non solo il lockdown per ristoranti e locali pubblici ma anche i limiti agli spostamenti, il coprifuoco e l’invito a evitare gli assembramenti a tavola. Secondo Coldiretti, il risultato sarà un taglio netto dei consumi rispetto ai circa 74 milioni di tappi di spumante stappati solo in Italia per le feste di fine anno nel 2019. Peserà anche il divieto a gran parte degli eventi tradizionali delle Festività come sagre, feste paesane e mercatini natalizi in cui si acuistano regali enogastronomici come spumanti, vino e liquori. Previsto anche un impatto negativo dall’export: per l’Italia il 2020 si chiuderà con un taglio stimato nel 4,6% (proiezioni Nomisma).

Coldiretti sottolinea che sarà danneggiata soprattutto la vendita di vini di alta qualità che trova un mercato privilegiato di sbocco in bar, alberghi e ristoranti. “A livello nazionale – dice il presidente Ettore Prandini – la Coldiretti è impegnata nella campagna #iobevoitaliano per promuovere gli acquisti, ma serve anche sostenere con massicci investimenti pubblici e privati la ripresa delle esportazioni. Il vino rappresenta un elemento di traino dell’intero Made in Italy sui mercati mondiali. Serve un piano strategico per l’internazionalizzazione a sostegno della ripresa”.

Egg muffin con broccoli e feta

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi