Covid nel mondo: Alta Austria in lockdown, in Germania record di 65 mila casi in ventiquattr’ore

A Monaco la Commissione vaccinale permanente raccomanda la terza dose per tutti i maggiorenni. Anche in Russia la situazione è sempre più allarmante: nelle ultime ventiquattr’ore 1251 vittime

VIENNA. I laender austriaci di Salisburgo e dell'Alta Austria dalla prossima settimana imporranno un lockdown per tutti, vaccinati compresi, «se non ci sarà un blocco a livello nazionale». Lo ha annunciato questa mattina il governatore dell'Alta Austria, Thomas Stelzer (OeVP). Secondo Stelzer il blocco dovrebbe durare diverse settimane. Nuove misure potrebbero essere decise domani, in una nuova riunione tra il governo federale e i governi regionali: in Austria nelle ultime 24 ore sono stati registrati altri 15.145 casi, con l'incidenza settimanale schizzata a 989 contagi ogni 100mila abitanti.

*** Iscriviti alla newsletter Speciale coronavirus

Intanto da lunedì prossimo ai non vaccinati che si recano in Austria sarà richiesto un certificato valido di vaccinazione, guarigione da meno di sei mesi oppure un tampone molecolare negativo: i test antigenici e i test rapidi degli anticorpi non saranno più ammessi. Dal 25 febbraio 2020, giorno delle prime due positività in Austria, le persone testate positive hanno superato il milione (1.011.465). L'incidenza settimanale è ulteriormente salita e oggi è pari a 988,7. Ieri sono morte 55 persone, per un totale di 11.903 vittime da inizio pandemia. In piena emergenza soprattutto gli ospedali: in diverse strutture non ci sono più posti in terapia intensiva (498 quelli al momento occupati) e i letti vengono posizionati anche nei corridoi.

Rispetto all’uso del Green Pass alla frontiera sono previste deroghe per i pendolari transfrontalieri (per motivi di lavoro, di scuola, di studio, per motivi familiari o per la visita al coniuge), per i quali continua ad applicarsi la regola del 3G (attestato di vaccinazione/guarigione/test negativo pcr o antigenico). La validità dei test per i pendolari viene comunque ridotta per i test molecolari da 7 giorni a 72 ore, e per gli antigenici da 48 a 24 ore.

Germania: «Mai così preoccupati, sarà un Natale terribile»
In Germania è nuovo record di contagi da Covid, dopo quello segnato ieri. Come ha reso noto il Robert Koch Institute per le malattie infettive, in 24 ore sono stati accertati 65.371 nuovi casi, con 264 decessi. L'incidenza su sette giorni è salita a 336,9 casi ogni 100 mila abitanti. Ieri sono stati comunicati 52.826 nuovi casi con 294 morti e un'incidenza di 319,5 casi su 100 mila abitanti. In totale, finora la Germania ha registrato 5,19 milioni di casi di Covid con 98.538 decessi. È la Baviera a essere particolarmente colpita dalla quarta ondata di contagi di coronavirus: l'incidenza a 7 giorni è a 609,5 contro il 568,4 di ieri. Il numero di nuove contagi nella sola Baviera è di 19.141.

La Commissione vaccinale permanente così ha raccomandato la vaccinazione di richiamo Covid-19 per tutti i maggiorenni. La dose dovrebbe essere effettuata con un vaccino mRNA e a un intervallo di sei mesi dall'ultimo richiamo dell'immunizzazione di base, afferma la Stiko. Una bozza di risoluzione è già stata approvata da gruppi di esperti e dagli stati federali per la votazione, quindi sono ancora possibili modifiche. Finora il «booster» in Germania era stato consigliato solo a persone con più di 70 anni e con malattie pregresse, nonché al personale infermieristico.

«Non siamo mai stati così preoccupati come adesso, siamo in una situazione di emergenza molto seria e avremo un Natale davvero terribile se non intraprendiamo qualcosa contro la tendenza attuale», dice il presidente del Robert Koch Institut, Lothar Wieler. «Le stime sono più che fosche», aggiunge. «Dietro le 50 mila infezioni registrate si nasconde almeno il doppio o il triplo dei numeri. C'è una grande emergenza nel nostro Paese e chi non la vede commette un grave errore».

I legislatori tedeschi stanno discutendo le misure che dovrebbero sostituire le regole nazionali attualmente in atto sull'epidemia, che scadranno alla fine del mese. Wieler ha affermato che la Germania deve aumentare i suoi tassi di vaccinazione significativamente al di sopra del 75%, dal 67,7% attuale. Alcune regioni della Germania hanno tassi di vaccinazione al 57,6%. Ha anche chiesto la chiusura di club e bar, la fine degli eventi su larga scala e l'accesso in molti luoghi della vita pubblica limitato ai vaccinati e ai guariti.

Allarme anche in Russia
Anche in Russia la situazione è sempre più allarmante: nelle ultime ventiquattr’ore le vittime sono 1251. La task force del governo calcola 37.374 infezioni a livello nazionale, in calo rispetto al picco di 41.335 già registrato a novembre. 

Australia controcorrente
Sembra andare controcorrente – rispetto alle nuove restrizioni – lo stato di Victoria, in Australia, che da domani revocherà la maggior parte delle restrizioni introdotte per contenere la diffusione del Covid-19 per le persone che hanno completato il ciclo vaccinale. Lo ha annunciato il primo ministro di Victoria Daniel Andrews: quasi il 90 per cento della popolazione locale con più di 12 anni ha ottenuto le due dosi del vaccino contro il coronavirus, obiettivo che si prevede di raggiungere nel fine settimana. Ristoranti e bar chiusi, invece, per chi non è vaccinato e che potrà solo prendere cibo da asporto. Impedito l'accesso anche a servizi non essenziali come cinema, teatri, zoo, festival, parrucchieri e saloni di bellezza.

Il «sì» dei francesi al lockdown
Il 60% dei francesi si dice favorevole a un lockdown per non vaccinati. Lo riporta un sondaggio di Elabe per BfmTv. Ieri nel Paese sono stati registrati 20.294 nuovi casi positivi, una cifra due volte superiore alla media di sette giorni prima. Sempre secondo il sondaggio, il 54% degli intervistati ritiene che l'epidemia sia molto lontana dall'esser finita e che riprenderà in maniera ancora più forte nelle prossime settimane. Ieri il portavoce del Governo, Gabriel Attal, aveva comunque assicurato che al momento non è previsto alcun confinamento.

Video del giorno

Calcio, giornalista molestata in diretta tv dopo Empoli-Fiorentina

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi