A Varese identificato il primo caso di variante brasiliana

Si tratta di un uomo rientrato nei giorni scorsi dal Brasile e risultato positivo al tampone. I medici: «Paziente in buone condizioni»

«E' in corso di valutazione all'ospedale di Varese il primo caso di variante brasiliana ad oggi osservato in Italia». Ad annunciarlo è la direzione dell'Ats Insubria. Si tratta di un uomo rientrato nei giorni scorsi dal Brasile all'aeroporto di Malpensa via Madrid, e risultato positivo al tampone disposto dall'Ats in ottemperanza alla recente ordinanza ministeriale del 16 gennaio. Il paziente è «in buone condizioni di salute, ma precauzionalmente è stato ricoverato per accertamenti nel reparto di Malattie infettive diretto da Paolo Grossi, dopo che la variante era stata identificata dal Laboratorio di microbiologia diretto da Fabrizio Maggi», spiega l'Ats.

Anche i familiari dell'uomo sono stati posti in sorveglianza dall'Agenzia di tutela della salute e sono stati avviati gli accertamenti conseguenti. L'Ats Insubria aggiunge infine che si sta "monitorando la situazione in raccordo con la direzione Welfare della Regione Lombardia e l'Istituto superiore di sanità". Ed evidenzia che «sono state adottate tutte le misure di sanità pubblica previste dai vigenti protocolli sanitari per il controllo della diffusione della variante brasiliana sul nostro territorio e, ad oggi, la situazione non è motivo di allarme».

Pancake di ceci con robiola e rucola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi