In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Jonnie Irwin, conduttore britannico: “Ho detto di avere il cancro e mi hanno licenziato. Mi ha spezzato il cuore”

Il presentatore televisivo ha raccontato al Sun di essere stato fatto fuori da “A Place In The Sun”: «Non mi hanno rinnovato il contratto, pur sapendo che volevo andare avanti»

Aggiornato alle 2 minuti di lettura

Creato da

Solo sei mesi di vita. E come se non bastasse persino senza lavoro. La storia di Jonnie Irwin, celebre conduttore britannico, ha scosso il mondo. Nei giorni scorsi ha rivelato a chi lo segue tutti i giorni in tv di avere un cancro ai polmoni, che è arrivato al cervello nell’agosto 2020. «Non so quanto mi resta da vivere – aveva dichiarato –, ma cerco di rimanere positivo e il mio atteggiamento è che sto vivendo con il cancro, non che sto morendo per causa sua». Ma tra i migliaia di messaggi di dispiacere, dalla sua azienda ne è arrivato uno che nessuno si aspettava: la Freeform Productions - la compagnia di produzione di “A Place In The Sun” – lo ha licenziato.

«Quando le persone scoprono che hai il cancro, ti cancellano - ha raccontato il 49enne presentatore tv in un’intervista al Sun -. Sì, sono al quarto stadio ed è terminale, ma non sono ancora morto, quindi lasciatemi vivere la mia vita finché posso. Non appena ho detto ai produttori di “A Place In The Sun” della mia diagnosi, mi hanno pagato per il resto della stagione, ma non mi hanno rinnovato il contratto, pur sapendo che volevo andare avanti. Questo mi ha fatto male e mi ha spezzato il cuore. Mi sento enormemente deluso e ora non riesco più nemmeno a guardare la trasmissione».

Jonnie Irwin e la moglie a Parigi

 

Nell’agosto 2020, quando gli diagnosticarono un cancro ai polmoni che si era diffuso fino al cervello, Irwin stava girando in Italia un episodio di “A Place in the Sun”: la vista gli si annebbiò mentre stava guidando. Poco dopo, la diagnosi di tumore. Un mix di farmaci, radioterapia e chemio lo ha tenuto in vita fino a oggi e lui, appassionato del suo lavoro, non ha mai smesso di occuparsi di “Escape To The Country” e di vari progetti commerciali nonostante la malattia.

Ora la notizia del mancano rinnovo «fa male. Mi ha spezzato il cuore – ha aggiunto Irwin –. Mi sento enormemente deluso. Non posso nemmeno guardare la trasmissione adesso». «Lavorare è davvero importante per me - ha continuato il conduttore - mi impedisce anche di pensare al cancro. Ma dai boss di “A Place In The Sun” non ho avuto il sostegno che pensavo. Ho detto loro che volevo lavorare e quando ho detto che potevo procurarmi le note dei medici e del mio oncologo che ero idoneo a lavorare, loro mi hanno detto - testualmente - “non vuoi realmente seguire quella strada, vero?”. Nel giro di due settimane c’era un altro al mio posto in tv, mi hanno messo da parte per qualcuno più sano e questo ha influito sulla mia salute mentale, come se il cancro non fosse già abbastanza grave».

Ora il conduttore televisivo vuole godersi il tempo che gli resta con la moglie Jess e i figli, Rex (3 anni) e i gemelli Cormac e Rafa (2 anni). Si sono goduti un viaggio a Cipro dopo la chemio e lo scorso fine settimana ha sorpreso Jess con un viaggio a Parigi. «Ogni volta che succede qualcosa di davvero bello con loro – ha spiegato Irwin –, ho questa vocina nella testa che mi ripete “non essere troppo felice, perché non sarai ancora qui per molto”».

Interpellata dal Sun, la Freeform ha spiegato che il mancato rinnovo del contratto al presentatore è stato causato da un problema con l’assicurazione: «La società di produzione non è stata in grado di garantire un’adeguata copertura assicurativa per Jonnie» si legge nel comunicato, dove viene aggiunto: «Ovviamente capiamo quanto questo debba essere frustrante per lui in questo momento così difficile».

I commenti dei lettori