Come funziona la lotteria degli scontrini che parte a luglio

Doppia chance per chi usa il denaro elettronico. Per gli acquisti fatti elettronicamente c'è anche il Bonus Befana

Da quando è stata scelta come uno degli strumenti per contrastare l'evasione fiscale, la lotteria degli scontrini ha avuto un destino incerto: più volte annunciata, ha sempre finito per essere rinviata. Il 2020, invece, sembra essere l'anno del definitivo via libera. Il Decreto fiscale ha stabilito la partenza per il prossimo 1° luglio. A fine ottobre il direttore dell'Agenzia delle Entrate - con apposito provvedimento - ha elencato una serie di disposizioni su come utilizzare il nuovo registratore di cassa elettronico obbligatorio, da impiegare anche nell'ambito della lotteria. Ulteriori direttive saranno indicate nelle prossime settimane, una volta avuto l'ok del Garante, ma la struttura dell'operazione è di fatto definita.

Un codice per partecipare

Per prendere parte al concorso sarà necessario un codice lotteria, da chiedere via web all'Agenzia delle Entrate (dovrebbe nascere un apposito portale). Una volta che avrà fatto un acquisto, il cliente potrà comunicare al commerciante il proprio codice personale. Attenzione: non esisterà obbligo di farlo, partecipare alla lotteria sarà facoltativo. Da parte sua l'esercente dovrà invece inserirlo in un'area riservata del sito delle Entrate: i nuovi registratori elettronici sono configurati per consentire, anche mediante lettura ottica, l'acquisizione del codice. Resta da capire quanto tempo occorrerà per questa operazione. Alcuni rappresentanti del settore commerciale hanno fatto presente che andrà anche istruito il personale in servizio alle casse.

Modalità e premi

Alla lotteria degli scontrini potrà partecipare chiunque faccia acquisti (probabilmente con una spesa minima). Chi utilizzerà denaro elettronico, avrà più possibilità di vincite, potendo concorrere - come previsto dal Decreto fiscale - per estrazioni aggiuntive accanto a quelle ordinarie, non aperte a chi paga in contanti. E se il commerciante non ha il Pos? La legge continua a non prevedere sanzioni per chi non se ne dota; è stato indicato, però, che si potrà fare una segnalazione all'Agenzia delle Entrate. Per la lotteria degli scontrini si parla di premi consistenti - e il Decreto fiscale specifica che sono esentasse - nell'ordine mensile di 50 mila euro per il più fortunato estratto a sorte, di 30 mila per il secondo e 10 mila per il terzo, sognando il colpo da un milione nel sorteggio speciale di fine anno. Con ulteriori premi da destinare in aggiunta agli esercenti coinvolti nell'operazione. In totale i premi speciali, ogni anno, saranno di 45 milioni.

Il bonus befana

Sempre sul fronte del contrasto all'uso del contante, scatterà a luglio anche l'operazione Bonus Befana. Previsti incentivi per favorire i pagamenti elettronici attraverso un rimborso in denaro che andrà in accredito, appunto, nel periodo dell'Epifania. Le modalità attuative saranno definite entro fine aprile. Parallelamente all'operazione lotteria degli scontrini e Bonus Befana, viene introdotto per i commercianti un credito d'imposta del 30% sulle commissioni dei pagamenti con carta, valido anche per le transazioni con smartphone.

Zuppa fredda di barbabietola, arancia e yogurt

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi