Digestione. La saggia ex Tatu: «Basta eccessi»

Lena Katina, già cantante trasgessiva, ora si esibisce da sola.  «Mangiar bene è troppo importante per la salute»

Adora le prelibatezze giapponesi e italiane. Le piace cucinare e la pasta è una delle sue specialità, pur essendo cresciuta con la cucina russa. Il suoi piatti preferiti? Patate e pasta, e va matta per le pappardelle con funghi “alla Alfredo”, le insalate fresche, le bistecche e le zuppe. Di chi stiamo parlando? Di una donna con un fisico da urlo, capelli rossi e pelle di porcellana, Lena Katina, cantante russa ex componente del duo pop femminile Tatu (con Julija Volkova), personaggio impossibile da dimenticare. Così come per lei è impossibile dimenticare noi: «Amo l’Italia! – esclama – È uno dei Paesi più belli. Con le Tatu abbiamo avuto molto successo da voi, ci siamo state molte volte e per quello che so abbiamo nel Belpaese ancora molti fan. Il 14 novembre canterò a Roma per presentare il nuovo album e ne sono davvero felice!».

L’alimentazione sana. Lena non è particolarmente golosa e quindi grossi problemi di digestione non ne ha mai avuti ma tempo fa, dopo un’operazione alla cistifellea, qualche effetto collaterale lo accusò anche il suo bel corpicino. Da allora, l’alimentazione sana è il suo chiodo fisso. «È importante fare attenzione a quanto e cosa mangiare. Basta scegliere cibo sano e si possono evitare i problemi di digestione!», spiega. «Mangiar bene è molto importante per me: cerco di evitare i cibi troppo grassi e alla carne e al pesce di abbinare sempre un’insalata o verdure alla griglia o al vapore. Faccio in modo di mangiare ogni quattro ore e mai dopo le sette di sera: questo aiuta ad avere una buona digestione e a restare in forma».

Digerire bene, ecco come

Saggezza giovanile. Queste parole così sagge stridono un po’ con la ragazzina acerba e trasgressiva dei tempi di “All the things she said”, canzone che nel 2002 fece scalpore raccontando l’amore difficile e tormentato fra ragazze, con tanto di bacio tra le due nel video.Lena ora corre da sola e il suo nuovo album si intitola “This is who i am”, un po’ come a dire che questa volta a presentarsi al pubblico sarà davvero lei, bella, vitale, ironica, sensuale.

Non più in coppia. L’uscita è prevista per il 14 novembre prossimo. «Sono veramente felice – racconta - di pubblicare finalmente il mio album, ho cominciato a lavorarci ben cinque anni fa, e i miei fan hanno atteso tutto questo tempo appoggiando il mio lavoro, non so come ringraziarli!».
Rispetto al passato, il disco è tuttavia basato su stili musicali molto diversi. «Io e la mia collega non abbiamo mai scritto le canzoni delle Tatu – spiega – e così, quando ho avviato la mia carriera da solista, ho deciso di partecipare alla creazione di tutte le canzoni, progredendo non solo come artista ma come autrice, e tutto ciò è avvenuto grazie al mio team, che ha insistito affinché io facessi questo passo. Nelle canzoni si nota chiaramente l’evoluzione della mia musica, del mio umore e delle tematiche. Sono molto soddisfatta del mio lavoro, rappresenta me nelle diverse fasi della vita. Ogni brano racconta una storia su di me, i miei amici o semplicemente quello che avevo in mente mentre scrivevo».

La musica ragione di vita. Lena si sente dunque molto cresciuta rispetto a 12 anni fa, soprattutto come artista. «Ho fatto parte di un duo per tanto tempo – continua – cosi è stato difficile trovarmi a un certo punto sul palco da sola. Ma la musica è la mia vita, e so che andrà tutto bene. Canto da quando ero piccola. A quattro anni ho iniziato a studiare il pianoforte e a sei a frequentare una scuola per continuare con il piano, proseguendo per sette anni. A nove anni ho iniziato a cantare e a ballare con un gruppo di bambini, gli “Avenue”, e in seguito con i “Neposedy”. Avevo 13 anni quando è iniziato il casting e 14 quando abbiamo creato le Tatu». Il resto, lo sapete già.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Crollo Marmolada, il punto del distacco ripreso dall'elicottero

Insalata di quinoa con ceci, fagiolini, cetrioli, more e noci con salsa al cocco e curry

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi