Pancake, quel piatto che arriva dagli Usa e fa impazzire anche gli italiani

Ogni settimana un piatto "abbinato" ad una notizia. Il fatto di oggi: il sogno di Hillary Clinton, prima donna candidata presidente Usa
1 minuti di lettura

Cosa serve?

125 g. di farina, 200 ml. di latte, due uova, un cucchiaino di lievito, un cucchiaio di zucchero, 25 g. di burro fuso e freddo
Cosa fare?

Separare gli albumi dai tuorli e, usando una frusta, mescolare questi ultimi con burro fuso e latte fino ad ottenere un composto chiaro. Unire la farina setacciata con il lievito e infine gli albumi montati a neve con lo zucchero mescolando dal basso verso l’alto per non smontare il composto. Cuocere a fuoco medio in un padellino antiaderente, un mestolo alla volta, girando il pancake quando sulla superficie appaiono delle bollicine. Con queste dosi si ottengono circa dodici pancakes. Impilare e guarnire, secondo i gusti, con miele, sciroppo d’acero o frutta fresca.

Curiosità

Le frittelle dolci erano note nell’antica Grecia e poi nella Roma imperiale. Dopo la scoperta dell’America le vecchie frittelle coperte di zucchero sbarcano nel Nuovo Mondo dove si arricchiscono di un ingrediente tutto anglosassone: il lievito, che aumenta volume e morbidezza. E lo sciroppo d’acero sostituisce la più classica spolverata di zucchero.

 

Il fatto

7 giugno 2016. Storica candidatura di Hillary Clinton per la corsa alla Presidenza degli Stati Uniti. Per la prima volta una donna è candidata alla Casa Bianca. Come scrisse Vittorio Zucconi – nel nostro ricordo restano le sue telefonate concitate man mano che la candidatura prendeva corpo e diventava possibile - “piccolo passo per una donna, gigantesco balzo per tutte le donne”

Nel novembre dello stesso anno Donald Trump verrà eletto Presidente degli Stati Uniti d’America