Addio ad Adriano Gròsoli, padre e memoria storica dell'aceto balsamico

Addio ad Adriano Gròsoli, padre e memoria storica dell'aceto balsamico
Scompare all'età di 93 anni un simbolo del Made in Italy enogastronomico. L’imprenditore di Spilamberto era l’unico rimasto in vita dei quattro modenesi che nella seconda metà del Novecento hanno creato il mito dell’oro nero
2 minuti di lettura

“Ci ha lasciati il nostro Adriano, un grande papà e un tenero nonno. Il suo esempio di amore per la famiglia, di passione per il lavoro, di stima e rispetto per i suoi collaboratori ci accompagnerà per sempre". Una frase sentita, profonda, che segna un lutto e uno spartiacque com'è normale che sia. Solo che in questo caso, il prima e il dopo arriva non solo per per la famiglia, ma per tutto il piccolo e grande universo dell'aceto balsamico di Modena IGP: è scomparso, all'età di 93 anni, Adriano Gròsoli uno dei padri dell'oro nero, l'ultimo di quei quattro sognatori che hanno creato un mito che vive, perdura e cresce ancora oggi.