Se la cucina omaggia la legge: così in Calabria sono nati gli spaghetti alla Corte d'Assise

Gli spaghetti alla Corte d'Assise (@La Cascina) 
Nati nel 1958 a Roccella Ionica. A inventarli, per un giudice e i suoi collaboratori, lo chef Gaetano Belcastro con pomodoro, peperoncino piccante, prezzemolo, basilico
3 minuti di lettura

Quando la cucina è legge. Letteralmente parlando, il legame fra fornelli e giustizia è molto più stretto di quanto si creda. E non sempre rimanda a provvedimenti e divieti. Basta pensare agli Spaghetti alla Corte d'Assise, creati nella primavera del 1958 in Calabria. 

In tribunale è il periodo dei processi ai boss dell'epoca e un giudice di Locri insieme ai suoi collaboratori decide di andare a mangiare nel ristorante dell'hotel Da Rocco a Marina di Gioiosa Jonica, nel Reggino, dove lo chef Gaetano Belcastro realizza un piatto inedito per l'occasione.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori