Gabriele Gorelli: "Creare vini su misura per il mercato non è un'eresia"

Gabriele Gorelli (foto @ Andrea Liverani) 
Si chiama "Wine Tailoring" e permette di realizzare prodotti che calzino perfettamente lo spirito del progetto per cui sono stati pensati, incrociando domanda e offerta. Il primo Master of Wine italiano: "Sono frutto della creatività e rispondono a un'esigenza di mercato, esprimendo un’attitudine territoriale"
6 minuti di lettura

Vini costruiti a tavolino. O meglio, cuciti e ritagliati su misura, in base alle esigenze del mercato, alle richieste di determinate fasce di età o alle peculiarità di determinati mercati, tenendo alta la qualità e sotto controllo il prezzo. Fenomeno da demonizzare secondo alcuni, da tenere sotto osservazione e cavalcare per altri. A mettere sotto la lente questa tendenza è il Master of Wine Gabriele Gorelli, primo italiano (di Montalcino) a ottenere il prestigioso titolo internazionale.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori