Con gli speakeasy si entra nella New York più segreta. Se si conosce la parola d'ordine

L'Apotheke a Chinatown, New York (@Valeria Robecco) 
Oggi sono di gran moda i cocktail bar ispirati ai locali nati durante il Proibizionismo, quando l'alcol era vietato e proliferavano i posti in cui berlo di nascosto. Ecco quelli da non perdere nella Grande Mela, compreso uno "originale"
2 minuti di lettura

Tutto iniziò con il Volstead Act del 1919, con cui venne sancito il bando sulla fabbricazione, la vendita, l'importazione e il trasporto di alcol in tutti gli Stati Uniti. Ecco che a New York iniziarono ad aprire locali fuorilegge, chiamati speakeasy, e nacquero i cocktail, mixando alcol distillato fatto in casa e succo di frutta per coprirne il sapore.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori