Bollicine dell'Alto Mincio e Grana: che gusto sulle colline di Mantova

Massimo Boselli 
Fondata nel 1442, la cantina Reale dei Boselli di Volta Mantovana punta sulla sostenibilità con concimi organici e fotovoltaico. Sorprendente il Sauvignon Crestale 2019: al naso foglia di pomodoro e papaya, al palato spada acida e sorso tondo
3 minuti di lettura

Nel libro di Padre Baccanti sulla Beata Paola Montaldi, si evince che la cantina Reale dei Boselli di Volta Mantovana era già celebre nel Settecento. Ma secondo la narrazione fatta nello stesso volume, la cantina esisteva fin nel 1442. Con un salto nel tempo di cinque secoli, eccoci nel 1970, quando un ramo della famiglia Boselli intraprende la strada della zootecnia, e l'altra, con a capo Luciano e il figlio Gianni, fonda la cantina vitivinicola.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori