Arriva la nuova Guida dell'Espresso, le novità da scoprire in diretta su Il Gusto

Il direttore Enzo Vizzari in una precedente edizione della Guida dell'Espresso
Il direttore Enzo Vizzari in una precedente edizione della Guida dell'Espresso 
Nuovi premiati con 5 cappelli ai vertici dei ristoranti italiani e, tra i riconoscimenti 2021, anche quello al Giovane chef dell'anno. Il direttore Vizzari: "Crediamo che ogni persona che sta dietro a un locale aperto, anche pochi giorni nell’arco di questo anno sciagurato, meriti per i suoi sacrifici di venire sostenuta e celebrata”     
1 minuti di lettura

Nuovi arrivi al vertice, a quei cinque cappelli che rappresentano l’élite della grande cucina italiana. E una novità davvero rivoluzionaria, almeno per il mondo della guida, per il premio al Giovane chef dell’anno. Sono soltanto due delle tante novità della nuova Guida ai ristoranti e ai vini d’Italia dell’Espresso 2021 i cui segreti saranno svelati lunedì prossimo, 31 maggio alle 10,30. in diretta sul sito ilGusto, il content hub del cibo, del vino e del piacere del gruppo Gedi. E a svelarli saranno i direttori Enzo Vizzari, delle Guide dell’Espresso e Luca Ferrua di Gusto, insieme ai premiati.

Una cerimonia tra le più attese nel mondo dell’enogastronomia che quest’anno è stata rinviata di qualche mese, rispetto alla tradizionale  scadenza di ottobre, a causa della pandemia. Ma la scelta è stata anche quella di far uscire in libreria e in edicola la Guida quando gli italiani avessero potuto tornare al ristorante senza angosce, a pranzo o a cena, da Aosta a Capo Passero. Come accadrà appunto dal 1 giugno.

Tavoli all'aperto in piazza Vittorio a Torino
Tavoli all'aperto in piazza Vittorio a Torino 

Non è stato facile fare questa quarantaduesima edizione della Guida: i ripetuti periodi di chiusura hanno fatto sì che gli ispettori potessero visitare i ristoranti solo in alcuni mesi. Ma alla fine il bilancio è stato positivo: nonostante le mille difficoltà sono oltre duemila i locali raccontati nelle schede e circa la metà ha raggiunto almeno un cappello, simbolo di qualità assoluta e  segno della vitalità di un  mondo che nell’anno più difficile non  ha voluto arrendersi. Anche se qualche chiusura dolorosa c’è stata, anche ai vertici. “Come Guida e come strumento per il mangiar bene, – scrive nell’introduzione Enzo Vizzari – abbiamo scelto di appoggiare la fatica del settore, sforzandoci di sembrare normali, fotografando il buono e non  la desolazione, non per miopia ma per una precisa scelta editoriale”. Perché se il destino di molti ristoranti come di tante altre attività oggi è appeso al filo di una ripartenza che si spera vigorosa, ma di cui non si hanno certezze, “crediamo – continua Vizzari – che ogni persona che sta dietro a un locale aperto anche pochi giorni nell’arco di questo anno sciagurato meriti per i suoi sacrifici di venire sostenuta e celebrata”     

Quella dell’Espresso poi, non è solo una guida ai più interessanti ristoranti della Penisola: ma anche alle migliori pizzerie, e i migliori vini, rossi, bianchi dolci o bollicine cui sono dedicate sezioni specifiche. Insomma un libro indispensabile per chi ama mangiare e bere, bene e con raziocinio, e che dal 1979  racconta con passione una piccola importante parte della storia del Bel Paese