Trasporti
In Germania un piano per il clima: più ciclabili ma non si toccano i limiti in autostrada

In Germania un piano per il clima: più ciclabili ma non si toccano i limiti in autostrada

Il progetto punta a limitare le emissioni del settore dei trasporti a 85 milioni di tonnellate di CO2, dai 148 milioni di tonnellate dell'anno scorso. Greenpeace e altre associazioni contestano la scelta: mettendo i limiti si risparmierebbero di colpo fino a 9,2 milioni di tonnellate di CO2 all'anno

1 minuti di lettura

Toccatemi tutto ma non le autostrade senza limiti. Parafrasando una celebre pubblicità è esattamente quello che è appena successo in Germania dove il governo ha presentato un nuovo pacchetto di misure per il clima per ridurre le emissioni nel settore dei trasporti.

Un progetto enorme, che si inserisce nell'ambito del piano tedesco per diventare 'carbon neutral' entro il 2045 – anticipando di 5 anni la scadenza europea - e che punta molto sull’uso delle biciclette, ma che non tocca le autostrade senza limiti di velocità. Un tabù per i tedeschi.

Eppure è stato lo stesso ministro dei trasporti, Volker Wissing, ad affermare che il suo dipartimento prevede di potenziare l'installazione di stazioni di ricarica per veicoli elettrici, espandere i trasporti pubblici e costruire più piste ciclabili, nella speranza che le persone lascino a casa le loro auto a benzina. Ma Wissing, membro del partito liberale Fdp, ha poi anche annunciato che la Germania non introdurrà un limite di velocità per le autostrade, misura che invece secondo gli ambientalisti porterebbe a una immediata riduzione delle emissioni e abbasserebbe il costo altissimo del carburante riducendo la domanda.

Una contraddizione enorme, che Wissing ha giustificato – arrampicandosi sugli specchi – così: "Come ministro dei trasporti - ha detto - da un lato devo dare peso all'obiettivo di proteggere il clima il più rapidamente possibile, e dall'altro devo tenere a mente le esigenze di mobilità e l'accettazione delle misure nella società”.

Immediata la reazione di Greenpeace che ha definito i piani "nebulosi" e ha affermato che l'introduzione di un limite di velocità generale consentirebbe di ottenere riduzioni concrete delle emissioni. Attualmente, molti tratti di autostrada non hanno limiti di velocità e non è raro che i conducenti spingano le loro auto a superare i 200 chilometri orari, aumentando notevolmente il consumo di carburante e le emissioni. Secondo il gruppo ambientalista Duh, limitare la velocità sulle autostrade tedesche a 100 km/h, 80 km/h su strade di campagna e 30 km/h in città farebbe risparmiare fino a 9,2 milioni di tonnellate di CO2 all'anno.

Però, senza toccare i limiti di velocità, il piano del governo tedesco, punta a limitare le emissioni del settore dei trasporti a 85 milioni di tonnellate di CO2, dai 148 milioni di tonnellate dell'anno scorso.