Energia

"Bisogna diversificare la produzione di pannelli solari per una transizione energetica sicura"

Lo sostiene l'Agenzia internazionale per l'energia in un nuovo report che rileva squilibri nelle catene di fornitura del fotovoltaico: l'80% della produzione avviene in Cina per tutte le principali fasi
3 minuti di lettura

Per garantire una transizione sicura verso le emissioni nette zero sarà necessario un maggiore impegno per espandere e diversificare la produzione globale di pannelli solari, le cui catene di fornitura sono attualmente fortemente concentrate in Cina. È quanto dichiara l'Iea (Agenzia Internazionale per l'Energia) in un nuovo rapporto speciale dedicato alle rinnovabili e appena diffuso. Le politiche industriali e di innovazione cinesi, incentrate sull'espansione della produzione e dei mercati dei pannelli solari, hanno aiutato il fotovoltaico a diventare la tecnologia di produzione di energia elettrica più conveniente in molte parti del mondo. Tuttavia, questo ha portato anche a squilibri nelle catene di fornitura del solare fotovoltaico, secondo il rapporto Iea sulle catene di fornitura globali del solare fotovoltaico, il primo studio di questo tipo dell'Agenzia.

Nell'ultimo decennio, la capacità produttiva globale di pannelli solari si è spostata sempre più dall'Europa, dal Giappone e dagli Stati Uniti verso la Cina, che ha assunto un ruolo guida in termini di investimenti e innovazione. Secondo il rapporto, la quota della Cina in tutte le principali fasi di produzione dei pannelli solari supera oggi l'80% e per gli elementi chiave, tra cui il polisilicio e i wafer, è destinata a salire a oltre il 95% nei prossimi anni, sulla base dell'attuale capacità produttiva in costruzione.


"La Cina ha contribuito in modo determinante ad abbassare i costi del solare fotovoltaico a livello mondiale, con molteplici vantaggi per la transizione verso l'energia pulita", ha dichiarato il direttore esecutivo dell'Iea Fatih Birol. "Allo stesso tempo, il livello di concentrazione geografica nelle catene di fornitura globali pone anche potenziali sfide che i governi devono affrontare. L'accelerazione delle transizioni energetiche pulite in tutto il mondo metterà ulteriormente a dura prova queste catene di approvvigionamento per soddisfare la crescente domanda, ma ciò offre anche opportunità per altri Paesi e regioni di contribuire a diversificare la produzione e renderla più resiliente", ha aggiunto.


Per raggiungere gli obiettivi internazionali in materia di energia e clima è necessario che la diffusione globale del solare fotovoltaico cresca su una scala senza precedenti. Ciò richiede a sua volta un'ulteriore espansione della capacità produttiva, sollevando preoccupazioni circa la capacità del mondo di sviluppare rapidamente catene di approvvigionamento resilienti. Ad esempio, le aggiunte annuali di capacità solare fotovoltaica ai sistemi elettrici di tutto il mondo devono più che quadruplicare entro il 2030 per essere in linea con il percorso dell'Iea per raggiungere le emissioni nette zero entro il 2050.


La capacità di produzione globale dei principali elementi costitutivi dei pannelli solari - polisilicio, lingotti, wafer, celle e moduli - dovrebbe più che raddoppiare entro il 2030 rispetto ai livelli attuali e gli impianti di produzione esistenti dovrebbero essere modernizzati.


"Mentre i Paesi accelerano i loro sforzi per ridurre le emissioni, devono assicurarsi che la loro transizione verso un sistema energetico sostenibile sia costruita su basi sicure", ha dichiarato Birol. "Le catene di fornitura globali del solare fotovoltaico dovranno essere scalate in modo da garantire la loro resilienza, il loro costo e la loro sostenibilità", ha aggiunto.

I governi e le altre parti interessate di tutto il mondo hanno iniziato a prestare sempre più attenzione alle catene di approvvigionamento del solare fotovoltaico, poiché i prezzi elevati delle materie prime e le strozzature della catena di approvvigionamento hanno portato a un aumento di circa il 20% dei prezzi dei pannelli solari nell'ultimo anno. Queste sfide - particolarmente evidenti nel mercato del polisilicio, un materiale chiave per la produzione di pannelli solari - hanno provocato ritardi nelle consegne di pannelli solari fotovoltaici in tutto il mondo e un aumento dei prezzi. Il rapporto speciale dell'Iea sostiene che queste sfide richiedono un'attenzione e un impegno ancora maggiori da parte dei responsabili politici per il futuro.

Il rapporto esamina le filiere del solare fotovoltaico dalle materie prime fino al prodotto finito, coprendo aree quali il consumo energetico, le emissioni, l'occupazione, i costi di produzione, gli investimenti, il commercio e la performance finanziaria. Si scopre, ad esempio, che la produzione ad alta intensità di energia elettrica del solare fotovoltaico è oggi alimentata per lo più da combustibili fossili, a causa del ruolo preponderante del carbone nelle zone della Cina in cui si concentra la produzione, ma che i pannelli solari devono ancora funzionare solo per quattro-otto mesi per compensare le loro emissioni di produzione. Questo breve periodo di ammortamento si confronta con una durata media dei pannelli solari di circa 25-30 anni. Secondo il rapporto, la crescente decarbonizzazione delle forniture di energia elettrica e una maggiore diversificazione delle catene di approvvigionamento del solare fotovoltaico dovrebbero contribuire a ridurre questa impronta in futuro.

Poiché la diversificazione è una delle strategie chiave per ridurre i rischi della catena di fornitura a livello mondiale, il rapporto speciale valuta le opportunità e le sfide dello sviluppo delle catene di fornitura del solare fotovoltaico in termini di creazione di posti di lavoro, requisiti di investimento, costi di produzione, emissioni e riciclaggio.

Il rapporto rileva che i nuovi impianti di produzione del solare fotovoltaico lungo la catena di fornitura globale potrebbero attrarre investimenti per 120 miliardi di dollari entro il 2030. Il settore del solare fotovoltaico ha il potenziale per raddoppiare il numero di posti di lavoro nel settore manifatturiero, portandolo a 1 milione entro il 2030, con le aree a più alta intensità di lavoro nella produzione di moduli e celle.


Infine, il report della Iea riassume gli approcci politici adottati dai governi per sostenere la produzione nazionale di energia solare fotovoltaica ed evidenzia le aree di intervento prioritarie per migliorare la sicurezza dell'approvvigionamento e per affrontare sfide chiave come la sostenibilità ambientale e sociale, i rischi di investimento e la competitività dei costi.