In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
Il conflitto

Petrolio e gas: gli interessi delle compagnie occidentali in Russia

Petrolio e gas: gli interessi delle compagnie occidentali in Russia
(reuters)
Bp, Shell, Eni, ExxonMobil: tutti i colossi dei combustibili fossili tra Europa e Stati Uniti e le loro quotazioni nei progetti russi
2 minuti di lettura

Dopo l'invasione russa dell'Ucraina sempre più aziende occidentali stanno tagliando i legami con Mosca. Anche alcuni colossi del gas e del petrolio come Bp e Shell hanno scelto questa strada. Ecco quali sono le principali compagnie di Big Oil tra Europa e Stati Uniti e le loro quotazioni nei progetti russi.

  • BP

La major petrolifera britannica ha una partecipazione del 19,75% in Rosneft, guidata da Igor Sechin, un alleato di lunga data del presidente Vladimir Putin. Rosneft rappresenta un terzo della produzione di petrolio e gas della BP nel 2021. L'abbandono annunciato da Bp costerà all'azienda 25 miliardi di dollari.

  • BASF

Il produttore chimico tedesco possiede Wintershall Dea - uno dei finanziatori del gasdotto sospeso Nord Stream 2 - con il gruppo di investitori LetterOne del miliardario russo Mikhail Fridman. BASF genera l'1% delle vendite del gruppo dalla Russia. Wintershall Dea e Gazprom lavorano insieme al progetto di produzione di gas AchimovDevelopment.

  • CHEVRON

Chevron ha una partecipazione del 15% nel Caspian Pipeline Consortium (CPC), un oleodotto che va dal Kazakistan a un terminale russo del Mar Nero, usato da Chevron per esportare il suo greggio. Collabora anche con altre aziende partner di compagnie russe.

  • ENGIE

L'azienda francese del gas è uno dei cinque co-finanziatori del Nord Stream 2 di Gazprom e ha una partecipazione nel gasdotto operativo NordS tream 1 insieme a Wintershall Dea, E.ON e Gasunie.

  • ENI

L'azienda italiana e Gazprom hanno il 50% ciascuno nel gasdotto Blue Stream verso la Turchia.

  • EQUINOR

Il gruppo energetico, che è posseduto in maggioranza dallo stato norvegese, ha partecipazioni di minoranza in tre campi petroliferi russi e ha annunciato che inizierà a cedere le sue joint venture in Russia. Il fondo sovrano norvegese, il più grande del mondo, cederà anche le sue attività russe, del valore di circa 25 miliardi di corone norvegesi (2,80 miliardi di dollari).

  • EXXONMOBIL

Il principale asset della major petrolifera internazionale in Russia è il progetto di produzione di petrolio e gas Sakhalin-1 nel Pacifico. ExxonMobil commercializza anche prodotti petrolchimici in Russia che sono utilizzati dalle industrie locali. Un'affiliata della ExxonMobil ha una partecipazione del 7,5% nel CaspianPipeline Consortium, che esporta petrolio dal Kazakistan attraverso il porto russo di Novorossiisk sul Mar Nero. L'azienda era uscita da una serie di joint venture in Russia a seguito delle sanzioni imposte dopo l'annessione della Crimea da parte di Mosca nel 2014.

  • HALLIBURTON

L'unità Eurasia di Halliburton opera in Russia e Ucraina e a febbraio, con l'aumentare delle tensioni, ha avvertito che la sua capacità di impegnarsi in alcuni progetti futuri in Russia o di lavorare con alcuni clienti russi dipendeva dal fatto che il suo coinvolgimento sarebbe stato limitato dalle sanzioni statunitensi o europee.

  • OMV

La compagnia petrolifera e del gas è uno dei cinque finanziatori di Nord Stream 2 ed è il principale importatore austriaco di gas russo. Ha una partecipazione del 24,99% nel giacimento di gas russo Yuzhno-Russkoye.

  • SHELL

La compagnia petrolifera anglo-olandese è uno dei maggiori investitori stranieri diretti nell'economia russa. Possiede il 27,5% del progetto di gas naturale liquefatto Sakhali-2, che ha una capacità annuale di 11 milioni di tonnellate ed è gestito da Gazprom. È uno dei cinque cofinanziatori di Nord Stream 2. Shell ha anche interessi nel progetto petrolifero Salym Petroleum con Gazprom Neft e un'impresa per lo sviluppo di idrocarburi nella penisola artica di Gydan. Shell ha annunciato l'intenzione di lasciare le sue partnership russe.

  • TOTALENERGIES

La società francese detiene una partecipazione del 19,4% in Novatek, il più grande produttore russo di gas naturale liquefatto. Ha una partecipazione del 20% nel progetto Yamal LNG e una partecipazione del 10% in Arctic LNG 2, la cui produzione dovrebbe iniziare il prossimo anno. La società detiene anche una quota del 49% nella joint venture Terneftegas, che sviluppa il gas onshore Termokarstovoye e il condensato, e una quota del 20% nel campo petrolifero onshore Kharyaga, come mostra il suo sito web. Ha acquisito il 10% in hub di trasbordo di gas naturale liquefatto a Murmansk e in Kamchatka.

  • UNIPER

L'utility tedesca ha un'esposizione di 1 miliardo di dollari in Nord Stream 2, insieme a cinque centrali elettriche in Russia con una capacità combinata di 11,2 gigawatt, fornendo circa il 5% del fabbisogno energetico totale della Russia. Uniper e il suo azionista di controllo Fortum possiedono complessivamente 12 centrali elettriche in Russia e vi impiegano 7.000 persone.