Finanza

Manca uno standard comune per i fondi Esg e orientarsi negli investimenti diventa una scommessa

Le principali agenzie di rating non hanno criteri omogenei per verificare il raggiungimento degli obiettivi climatici dichiarati dalle società quotate in Borsa. L'allarme dell'Ocse: "Necessarie politiche per garantire la trasparenza, la comparabilità e la qualità globali". Visco. "Senza uniformità a rischio i finanziamenti per la transizione ecologica"
5 minuti di lettura

Sugli standard per giudicare la corretta applicazione degli Esg (Environmental Social, Governance) c'è ancora troppa confusione sotto il cielo. In campo, per emettere gli standard e per verificare il raggiungimento degli obiettivi climatici dichiarati dalle società quotate in Borsa sotto la lente, ci sono almeno 6 agenzie di rating principali, ognuna però con i loro personali criteri di giudizio.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori