Biodiversità

Salvi i mufloni dell'Isola del Giglio: raggiunto un accordo per escludere gli abbattimenti

Parco dell'arcipelago toscano, Lav e Wwf hanno siglato un documento in cui si impegnano a catturare e trasportare degli animali verso altre località
1 minuti di lettura

C'è un nuovo passo avanti nella tutela dei mufloni dell'Isola del Giglio. Dopo il primo stop agli abbattimenti, il Parco dell'arcipelago toscano, la Lega antivivisezione (Lav) e il Wwf hanno raggiunto un accordo per escludere definitivamente la soppressione di questa specie invasiva dell'isola. L'accordo è stato siglato da Giampiero Sammuri, presidente del parco, Gianluca Felicetti, presidente Lav e Donatella Bianchi, presidente Wwf.


Da parte sua l'Ente parco si impegna a sospendere le operazioni previste dal progetto "Let's go Giglio", nato per eradicare le specie aliene come il muflone e conservare l'ecosistema e la biodiversità autoctona dell'isola, e intensificare la cattura e il trasporto degli animali verso altre località, curando il benessere animale come previsto dal protocollo operativo sottoscritto con Ispra. Nasce anche un gruppo di lavoro formato da esperti indicati dal parco e da rappresentanti delle associazioni per accogliere le offerte di disponibilità e stabilire le migliori destinazioni per gli animali che garantiscano il loro benessere, assicurarando per quanto possibile il confinamento preventivo dei mufloni in un'area adatta ai bisogni degli animali e sicura per il periodo necessario per il loro trasferimento.

Le associazioni firmatarie, ognuna delle quali avrà un rappresentate designato, si impegnano a collaborare alle operazioni di cattura, trasporto e sterilizzazione dei mufloni. Insieme al parco inoltre, porteranno avanti azioni di informazione e sensibilizzazione sul tema delle specie non autoctone. L'accordo è aperto a tutte le associazioni che vogliano farne parte.

La popolazione di mufloni al Giglio contra tra i 40 e gli 80 esemplari. Le azioni di abbattimento programmate avevano suscitato reazioni negative da parte del mondo animalista considerando che comunque 16 mufloni negli scorsi mesi erano già stati catturati e trasferiti in strutture recintate fuori dall'isola.

Attenti alle more, la specie alloctona più pericolosa delle Galapagos