Scienza

La prossima arma contro la CO2 è una membrana di tubi più fini di un capello

Un sistema di filtrazione molecolare potrebbe ridurre drasticamente l'anidride carbonica emessa dagli impianti industriali per la raffinazione del metano, usando anche molta meno energia e diminuento dell'85% la perdita di gas
2 minuti di lettura

Un materiale più fine di un capello, qualcosa di molto impalpabile, avrà però un effetto molto tangibile: servirà a ridurre l'anidride carbonica prodotta dai processi industriali, abbattendo in questo modo le emissioni e permettendoci di arrivare con minore fatica al traguardo di solo 1,5 gradi di rialzo delle temperature. In particolare verrà impiegato nel raffinamento del metano, un processo che consuma molta energia.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori