Agroalimentare

Dall'Irlanda del Nord alla Nuova Zelanda: la guerra infinita sugli allevamenti

La protesta degli allevatori nordirlandesi contro un disegno di legge sul clima è solo la punta dell'iceberg: quando si tratta di bestiame in tutto il mondo è sempre più difficile trovare un equilibrio tra cambiamenti climatici e culturali, esigenze economiche e salvaguardia di posti di lavoro. Ma rimandare decisioni drastiche non è più possibile
5 minuti di lettura

Industria dei virus o Ferrari del settore agroalimentare? Gli allevamenti sono nell'occhio del ciclone: si ripete, per l'ennesima volta, la partita allevatori contro associazioni ambientaliste, produttori di cibo d'origine animale contro partiti verdi. Per stabilire se e come una delle più antiche attività dell'homo sapiens sia ancora sostenibile, in primis per la sopravvivenza della nostra specie su questo pianeta.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori