Territorio

Non solo tappi: viaggio nelle sugherete della Gallura, scrigni di biodiversità

Due foreste di Quercus suber, tra tradizione e sperimentazione. Oltre alla preziosa materia, prima svolgono un ruolo fondamentale per la tutela del territorio

3 minuti di lettura

Le ombrose foreste di Quercus suber della Gallura, sospese tra mare, macchia mediterranea e montagne di granito levigato dalle ere geologiche, rappresentano un pezzo della storia produttiva del territorio sardo, ma sono molto di più che semplici coltivazioni. Circondate e compenetrate da altre specie arboree, arbustive ed erbacee, attraversate da animali selvatici, popolate da centinaia di specie di funghi, punteggiate da stazzi e nuraghi, sono ormai parte integrante del paesaggio naturale e antropico.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori