L'intervista

Carl Safina: "Il declino degli insetti è una catastrofe inarrestabile"

Carl Safina (foto: Ericawrites1313 via Wikimedia Commons - CC BY-SA 4.0) 
Lo studioso americano, esperto di comportamento animale, sui cambiamenti climatici in atto legati alla sovrappopolazione: "Praterie, foreste, coralli stanno scomparendo a causa nostra", spiega a El Paìs
4 minuti di lettura

Carl Safina (New York, 1955) è un esperto di comportamento animale. Nel suo ultimo libro, Becoming Wild: How Animal Cultures Raise Families, Create Beauty, and Achieve Peace (Al di là delle parole, Adelphi), la cui uscita in inglese è stata oscurata dalla pandemia, studia le relazioni che si stabiliscono nelle famiglie di tre specie: i capodogli, gli ara macao e gli scimpanzé. Safina sostiene che la cultura è qualcosa che trascende l'essere umano: anche gli animali hanno la loro. E avverte che quando una specie si estingue in una determinata area, si perde anche la sua cultura. Grande divulgatore scientifico, ci chiede se siamo disposti a continuare a essere la causa della perdita di centinaia di modi diversi di vivere sull'unico pianeta abitabile che conosciamo.
 

La lettura di "Al di là delle parole" ci aiuta a vedere più chiaramente una realtà terribile: la perdita di culture o modi di vita di animali che stiamo portando all'estinzione. Oltre a perdere gli esemplari di queste specie, stiamo perdendo la possibilità di imparare le loro capacità.
"Immaginiamo che gli esemplari di un particolare animale si estinguano al Nord. Non potremmo sostituirli con quelli del Sud, perché non saprebbero come sopravvivere nel loro habitat. Non saprebbero come proteggersi dal freddo o trovare il cibo. Molti tentativi di reintroduzione sono falliti perché non c'è stato il tempo per lo sviluppo di nuove generazioni capaci di imparare dagli anziani come sopravvivere in un ambiente diverso. Fino a poco tempo fa, nessuno parlava della necessità di preservare la diversità culturale delle specie. E questo vale sia per gli esseri umani che per tutti gli altri esseri viventi. La nostra cultura è arbitraria. La lingua che parliamo, la musica che ascoltiamo, la nostra bandiera o la religione che difendiamo... Queste cose arbitrarie sono la risposta a come viviamo qui e ora".
 

Noi esseri umani dovremmo preservare il maggior numero possibile di specie per ragioni egoistiche o per la Terra?
"Secondo me, non dobbiamo proteggere le specie per motivi egoistici. Gli animali devono essere importanti per noi o non potranno sopravvivere. Dobbiamo avere un atteggiamento morale rispetto al valore della vita sull'unico pianeta abitato, che è la nostra unica casa. Pensare che i pochi anni di presenza umana sulla Terra ci diano il diritto morale di decidere quali animali ci servono e quali no è moralmente sbagliato. Non spetta a noi dare questa risposta, né decidere per le generazioni future o per il resto degli esseri viventi. Altrimenti, in futuro si chiederanno: che cosa ci avete fatto?"
 

La sua generazione è in parte responsabile di questa distruzione.
"Quando sono nato io, la popolazione mondiale era un terzo di quella attuale. Praterie, foreste, coralli... stanno scomparendo per la pressione dell'espansione umana, per colpa della cultura occidentale, il cui modello sfrutta il pianeta affinché noi umani continuiamo a consumare".

In piena pandemia è difficile non augurarsi che l'economia torni a crescere e che le cose tornino come erano nel 2019. Ma è ovvio che, mantenendo lo stesso modello, non saremmo sulla strada giusta.
"Penso che possiamo avere tutto quello che ci piace della nostra civiltà senza bisogno di crescere o addirittura con la decrescita. Cresciamo perché c'è un eccesso di popolazione. Se ogni coppia avesse un solo figlio, ogni bambino potrebbe aspirare ad avere di più".


Vede un rallentamento nella crescita della popolazione?
"Prendiamo, ad esempio, le donne che hanno studiato, che votano, che possiedono imprese: vogliono avere 10 figli? No. Vogliono avere un paio di figli, distanziare le nascite e prendere decisioni in modo dignitoso. Le famiglie poco numerose ti consentono di avere una vita più piena. Ma tutto dipende dai diritti e dalla dignità delle donne. Se saranno rispettati, le famiglie avranno meno figli".

Nel raccontare il modo in cui vivono gli scimpanzé e come a volte mantengono la pace tra i diversi clan, cerca di insegnare al lettore come comportarsi?
"Una delle cose che ho capito è che molti umani credono che i nostri impulsi negativi vengano dalle scimmie nostre antenate. Ma non è così. Tra tutti i primati, solo i maschi degli umani e degli scimpanzé lottano per il dominio. Quindi dovremmo prima imparare dagli altri primati. I maschi e le femmine possono raggiungere uno status ottimale anche in altri modi, non c'è bisogno di sottomettere un'altra scimmia. Il fatto che solo gli umani e gli scimpanzé siano prigionieri di quel modello dimostra che non è necessario che le cose vadano così. È improbabile che gli scimpanzé possano superare questo modello. Ma noi, teoricamente, potremmo escogitare altri comportamenti. Siamo capaci di superare i conflitti e di perdonare? Anche gli scimpanzé sono capaci di risolvere i conflitti. Vedere questo dovrebbe aiutarci a capire che quando ci comportiamo per istinto ignoriamo alternative di vita che sarebbero migliori per tutti. Osservare queste cose allarga le nostre prospettive".

Perché alcuni di noi sono in grado di vedere l’animale che abbiamo davanti come amico e altri no?
"Dipende da ciò che ci è stato insegnato. Noi esseri viventi impariamo la cultura dalle nostre madri e poi dal gruppo sociale. E questo è assolutamente vero per gli esseri umani. Quello che molte persone insegnano ai loro figli è che gli animali sono stupidi e che non dobbiamo preoccuparci di loro, o che la loro utilità è la loro carne... Si insegna anche la mancanza di empatia".


Stiamo lavorando al nostro ecocidio o vede una possibile salvezza?
"Sì, ci stiamo lavorando. È un enorme processo di estinzione, il crollo catastrofico del numero di insetti, per esempio, è terribile. Sappiamo già cosa possiamo fare per fermare questo processo e far sì che la natura si riprenda, ma lo faremo? A livello globale, ne dubito. Che cosa dovrebbe succedere per invertire la rotta? Il progresso dei diritti delle donne a cui assistiamo in Europa e in Nord America potrebbe portare un cambiamento enorme. Ma se ne coglieranno i frutti quando lei ed io saremo morti".

Come valuta le prime settimane della presidenza Biden?
"Ha annunciato che entro il 2030 un terzo del suolo e delle acque degli Stati Uniti sarà protetto. Forse non dovrei essere così entusiasta, ma sta facendo esattamente quello che vorrei che facesse".
 

Traduzione di Luis E. Morione

(Lena (Leading European Newspaper Alliance) è l'alleanza di cui Repubblica fa parte insieme a Die Welt, El Pais, Le Figaro, Le Soir, Tages Anzelger e Tribune de Genève)