2 minuti di lettura
(afp)
SYDNEY - Di circa 270 balene pilota, bloccate al largo della Tasmania ne sono morte almeno un terzo. E secondo i soccorritori australiani ne moriranno altre. Gli equipaggi sono stati in grado di salvarne 25 e i biologi marini dicono che la missione di soccorso richiederà probabilmente giorni.

Le balene pilota sono state trovate lunedì nelle acque troppo poco profonde al largo della costa occidentale dell'isola

Centinaia di balene: i soccorsi

I soccorritori del Tasmanian Marine Conservation Program nel tardo pomeriggio di lunedì hanno trovato tre gruppi di balene pilota a Macquarie Heads, una punta remota dell'isola sul lato occidentale dell'ingresso al porto di Macquarie, senza accesso stradale né abbastanza largo per il passaggio delle navi. Circa 200 mammiferi erano già spiaggiati su un banco di sabbia vicino alla rampa di una barca, 30 erano a diverse centinaia di metri di distanza, un'altra trentina nell'entroterra lungo Ocean Beach. Molte si trovano in luoghi "relativamente inaccessibili", cosa che rappresenta una sfida per i soccorritori.

I salvataggi

Alcune delle balene più vicine alle acque più profonde sono state guidate con successo in mare aperto. La squadra di circa 40 soccorritori addestrati ha iniziato a rimettere in acqua un piccolo numero di globicefali questa mattina utilizzando attrezzature e spingendo gli animali dal banco di sabbia alle acque più profonde.
ll globicefalo ha un corpo massiccio dotato di due lunghe pinne pettorali a forma di mezzaluna. La testa ha fronte sporgente, la pelle è nera, biancastra in tra il petto e il ventre. Le sue dimensioni massime arrivano a 8,7 metri di lunghezza (reuters)

"Normalmente abbiamo a che fare con animali molto più avanti sulle spiegge, già asciutti, questo caso è diverso. Abbiamo trovato animali semi-galleggianti, quindi probabilmente non ci vorrà troppo per rimetterli in mare", ha detto alla Bbc il biologo Kris Carlyon. Una volta che le balene pilote vengono rimesse in acqua, il passo successivo è farle andare al largo. Carlyon ha detto ai giornalisti che questa potrebbe essere una sfida difficile visto la forte marea contraria. Ma le barche potrebbero essere usate per aiutare la manovra.

"Molte non ce la faranno"

Alcuni esemplari sono troppo grandi o in una posizione inadatta. I globicefali possono arrivare a otto metri di lunghezza e pesare fino a tre tonnellate. "Inizialmente ci dedicheremo agli animali con le migliori possibilità", ha detto il dott. Carlyon. I globicefali possono sopravvivere tre o quattro giorni spiaggiati, e molti in questo gruppo sono in buone condizioni "bagnati e freschi". Oggi è la giornata più importante. Le autorità hanno esortato i cittadini a non recarsi sul posto, dicendo di avere abbastanza aiutanti.
(reuters)

La perdita dell'orientamento

Intorno all'Australia e alla Nuova Zelanda diversi tipi di balene effettuano migrazioni stagionali ogni anno in gruppi che possono arrivare anche a mille esemplari. Secondo i ricercatori il gruppo segue un capo e il forti legame sociale può portare interi gruppi a arenarsi. "Potrebbe essere stata una singola balena, anche due, a portare il resto fuori strada", ha spiegato Carlyon. Il caso più importante di spiaggiamento collettivo è avvenuto in Nuova Zelanda nel 1918, circa mille globicefali, e nel 2017 con almeno 600 esemplari sulla riva.