La buona agricoltura fa bene alla terra

OrtoRomi ha intrapreso un percorso produttivo, dalla irrigazione al packaging, rispettoso dell’ambiente. I risultati? Solo un esempio: si risparmia il 25% di acqua. Vediamo come

2 minuti di lettura
Non tutta la plastica viene per nuocere. Al contrario: se smaltita in forma adeguata può diventare una risorsa sostenibile per alimentare un circolo virtuoso che rispetta l’ambiente. Per questo OrtoRomi, Società Cooperativa Agricola di produzione di insalate di I e IV gamma e terzo player italiano del settore, promuove una campagna di sensibilizzazione sulla raccolta differenziata della plastica.
 

L'orientamento dei consumatori


In questo periodo di stress da coronavirus i consumatori si sono orientati verso prodotti confezionati in plastica perché sono più facili da igienizzare rispetto ad imballaggi con altri materiali e perché ispirano, in un momento di evidente disagio, maggiore sicurezza. Una tendenza di cui l’ambiente risente limitatamente, se la plastica viene smaltita in modo corretto secondo il processo di raccolta differenziata e successivo riciclo. Qualsiasi rifiuto, anche il più innocuo, può costituire un rischio per l’integrità dell’ambiente se conferito in natura senza i dovuti accorgimenti. Ecco perché il Reparto di Ricerca & Sviluppo di OrtoRomi è impegnato da tempo nello studio di nuovi packaging al fine di trovare soluzioni a lungo termine che possano essere una risposta definitiva in merito alla gestione dei rifiuti e della raccolta differenziata.
 

Il risparmio idrico


Oltre allo sviluppo di nuovi imballaggi e alla promozione della raccolta differenziata della plastica, il percorso di sostenibilità intrapreso da OrtoRomi, che conferma ancora una volta l’approccio profondamente etico dell’azienda, è orientato alla ricerca di soluzioni per il risparmio idrico. Per irrigare le piante, per esempio, si ricicla anche la pioggia. L’acqua viene raccolta in bacini di accumulo simili a laghetti e distribuita alle piante con un sistema di regolazione che ne ottimizza l’impiego. L’acqua, in altre parole, arriva dove serve e solo nelle quantità necessarie.
 

Il percorso green


Il percorso green di OrtoRomi, che ha creato il brand Insal’Arte, è partito l’anno scorso con un sistema che ha permesso di risparmiare il 25 per cento di acqua e che prosegue quest’anno con un’ulteriore implementazione di un impianto per il riciclo dell’acqua che porterà a fine 2020 a un risparmio totale del 40 per cento. Si tratta di una quota considerevole di acqua, uno dei beni più preziosi di cui è indispensabile promuoverne l’uso etico e senza sprechi. Ma è solo una delle innovazioni green sviluppate da OrtoRomi. Negli oltre 700 ettari coltivati sul territorio nazionale si seguono i principi di un’agricoltura sostenibile su larga scala. La produzione di insalate non prevede solo il riciclo di risorse naturali come l’acqua piovana per l’irrigazione. Le serre, per esempio, sono riscaldate con un impianto di combustione a biomassa mentre i sistemi di illuminazione sono integrati con un impianto di coperture che consente di sfruttare al meglio la luce naturale garantendo allo stesso tempo le condizioni idonee per la coltivazione.
 

Prodotti sani e pratici


Un’impronta di sostenibilità ambientale che fa parte del dna di OrtoRomi e che l’azienda esprime nel brand Insal’Arte. Nata nel 2014, questa linea è la portavoce diretta dei valori sposati da OrtoRomi: prodotti sani e pratici, garantiti da un costante e rigoroso controllo della filiera produttiva e caratterizzati da un’amplissima gamma che consente una scelta assicurata da materie prime selezionate. La peculiarità dei prodotti Insal’Arte è il loro elevato contenuto di servizio, la scelta controllata delle materie prime e il processo di raccolta e confezionamento in sole 24 ore che permette di consumare un prodotto sempre fresco. Tutto ciò è possibile grazie all’eccellenza dei principali attori coinvolti: le aziende agricole e i due grandi stabilimenti di produzione efficienti e all’avanguardia, che riflettono appieno i valori cardine dell’azienda, quali innovazione, qualità, tradizione e affidabilità.