RLab, dalla Terra alla Luna: ricomincia l'avventura

Si parla della nuova Stazione spaziale internazionale - che sarà operativa tra circa un anno e mezzo - nel servizio di copertina di RLab, il supplemento di Repubblica in edicola mercoledì. Tutti gli obiettivi della missione e la "mano" dell'industria ialiana nella realizzazione dei moduli

1 minuti di lettura
L'Europa sulla Luna
Nel vecchio continente, e in Italia in particolare, si lavora per disegnare la base spaziale del prossimo futuro, operativa a metà anni '20 attorno alla Luna. Nei laboratori di Thales Alenia Space Italia, a Torino, prende forma il progetto per uno dei moduli abitativi, un design diverso, più confortevole rispetto alla Iss, un passo verso la progettazione di ambienti spaziali a lunga permanenza, come quelli che serviranno per affrontare i lunghi viaggi verso Marte. Ecco i temi sel servizio di copertina del prossimo RLab, in edicola mercoledì. A coordinare la realizzazione della parte europea, per l'Esa, è l'ingegnera italiana Sara Pastor, mentre l'incarico di rappresentare gli astronauti durante la fase di design è affidato all'astronauta italiana Samantha Cristoforetti

Come saranno i robot del futuro.
Tra le speranze di un’accelerazione esponenziale del progresso dell’umanità e i rischi da evitare, il futurista Martin Ford, autore di Architects of intelligence: the truth about AI from the people building it, ci spiega qual è la strada da percorrere per avere macchine pensanti che vivano a stretto contatto con l'uomo. Senza prevaricazioni (da parte loro).

Alla scoperta del sottosuolo. Cosa si nasconde sotto i nostri piedi? Caverne, grotte, luoghi incantevoli talvolta pieni di sorprese. Ma anche gli ambienti per sperimentare il futuro che verrà. Ecco una serie di immagini provenienti da tutto il mondo.

Cartoline dalla spazio, tutta la meve che cade sulla Terra
I primi dati del progetto “Snow CCI” finanziato dall’Agenzia Spaziale Europea per misurare i livelli di neve in tutto il mondo a partire dalle immagini satellitari e dalle misure registrate da sensori installati in diversi angoli del pianeta.
 
Scuola. L'ecolampada si carica di giorno e fa luce di notte. Un'idea realizzata in un istituto tecnico del Modenese e premiata al Science on Stage Festival, che ogni anno richiama centinaia di scienziati, ricercatori e studenti. Prossima edizione a dicembre in Portogallo: iscrizioni entro il 31 gennaio.