Geologi, in pericolo l'88% del patrimonio edilizio storico

Le opere si trovano in zone a rischio sismico o idrogeologico, con una popolazione italiana esposta di circa il 78%: "E' emergenza nazionale. Il 6 settembre scenderemo in piazza per sensibilizzare l'attenzione"

1 minuti di lettura
NAPOLI - "I numeri parlano chiaro: l'88% del patrimonio edilizio storico è in zone a rischio sismico o idrogeologico, con una popolazione italiana esposta di circa il 78%. Sono numeri questi che ci dicono il come siamo dinanzi a un'emergenza nazionale". Lo ha affermato Gerardo Lombardi, coordinatore della commissione Protezione civile dell'Ordine dei geologi della Campania.

Il quadro non è diverso per gli edifici pubblici definiti strategici, proprio la Campania "ha un importante numero di edifici scolastici - ha proseguito Lombardi - nelle aree potenzialmente a elevato rischio sismico: ben 4.600 scuole si trovano in queste zone". 

"C'è l'esigenza di adeguarle - ha chiarito Lombardi - alle norme antisismiche e soprattutto di informare il cittadino. Manca l'informazione, manca la cultura della prevenzione. Il 6 settembre aderiremo come Ordine dei geologi della Campania alla Giornata nazionale sui geo-rischi voluta dal Consiglio nazionale. Anche in Campania i geologi scenderanno nelle piazze. Saremo in piazza Mercato al Vulcano Buono di Nola dove mostreremo ai cittadini la carta geologica dei geo-rischi in Campania ma faremo vedere loro le immagini di importanti disastri naturali che si sono verificati in questi anni e gli strumenti di lavoro del geologo. Saremo con la gente dalle ore 10 alle 18".

L'iniziativa coinvolgerà anche i più piccoli che potranno essere geologi per un giorno e addirittura c'è un concorso artistico al quale potranno partecipare con la realizzazione di disegni che abbiano come tema i geo-rischi, dai terremoti ai vulcani.

"Tutti potranno toccare con mano alcuni strumenti geologici e i bambini in particolare - ha assicurato - potranno diventare geologo per un giorno, confrontandosi, guidati degli esperti, con piastre sismiche, penetrometri e il volo di piccoli droni".

L'iniziativa è patrocinata, oltre che dalle comunità locali e dallo stesso Centro commerciale, dall'Autorità di bacino-Campania Centrale; dal dipartimento di Scienze della Terra, dell'ambiente e delle risorse dell'università degli Studi di Napoli Federico e da Lega Ambiente Campania.