Non solo città d’arte, 5 pacchetti per raccontare tutta la Toscana

Il direttore Francesco Palumbo illustra i progetti per il 2020: dal wellness all’outdoor passando per il wedding e tour alla scoperta dei Medici con la possibilità di dormire nelle ville 

Direttore, quali sono i progetti per la promozione turistica della Toscana nel 2020?

«Abbiamo progettato campagne di promozione che promuovano il lifestyle toscano non solo dal punto di vista dei valori tradizionali delle città d’arte, del lusso, della moda, dell’esclusività ma anche con una visione contemporanea, offrendo un’esperienza orientata agli stili di vita, alle iniziative all’aria aperta, alle vacanze wedding e a forme di turismo in cui si prende parte alla vita delle comunità, un’offerta per vivere la Toscana e non solo per visitarla. Un riposizionamento del brand».


Concretamente come si attuerà questo riposizionamento ?

«Sviluppando prodotti per rispondere alle nuove domande del turismo. Ne abbiamo creati sulla Toscana dell’arte contemporanea e del patrimonio diffuso; sulla Toscana del benessere, del wellness del turismo slow e delle terme; degli eventi musicali, culturali e in generale su quei luoghi in cui accadono delle cose; sulla Toscana dell’outdoor sia slow sia più “sfidante” con attività in montagna, nel verde. E quest’ultimo serve ad allungare la stagione sulla costa: immaginiamo di visitare le isole e fruirle con attività esterne in un periodo diverso dall’estate. Nei mesi di ottobre e di novembre. E infine la Toscana romantica con il settore del wedding».

Ci sarà una promozione legata ai singoli territori?

«Siamo lavorando molto sul testo unico del turismo e quindi i 28 ambiti, in termini di promozione turistica, verranno aggregati in macro ambiti promuovibili proprio come stiamo facendo con Costa Toscana che coinvolge 12 ambiti e 132 Comuni con un prodotto di turismo sostenibile. La costa Toscana è la prima in Italia a presentarsi così».

Per promuovere la Toscana “minore” servono anche collegamenti migliori: gli operatori lo chiedono con forza.

Da Firenze arrivare a Piombino è tutt’altro che comodo.

«Proprio su Costa Toscana stiamo lavorando con Ferrovie e con i vari soggetti che si occupano del mondo dei trasporti per far sì che dai luoghi di grande accessibilità ci si possa spostare in luoghi meno noti».

Quali sono i risultati ottenuti finora?

«Stiamo lavorando in accordo con le compagnie crocieristiche per promuovere da Livorno non solo la destinazione di Firenze ma anche quelle delle enogastronomie, verso Bolgheri o verso le 14 cantine toscane realizzate dalle archistar».

Gli operatori sollecitano più analisi dei dati e chiedono manager specializzati nei ruoli chiave.

«Concordo con gli operatori: una delle analisi di banca d’Italia ci dice che proprio il settore del turismo è quello con meno skill rispetto agli altri Paesi. I top manager negli altri paesi hanno un’altissima formazione e qualificazione mentre in Italia spesso non sono neppure laureati. Il turismo è un settore molto specifico: bisogna avere un top management che sia all’altezza».

E per quanto riguarda l’analisi dei dati...

«Questo è più competenza della Regione. Per quanto riguarda l’attività di promozione stiamo facendo un’analisi molto più mirata cercando di aggregare vari dati in modo da avere maggiori informazioni».

Ci sono progetti speciali su cui avete riscosso particolare interesse a livello internazionale?

«Su alcuni prodotti abbiamo verificato grande interesse: il tema degli etruschi che vorremmo portare all’attenzione del turismo didattico, scolastico. Poi quello dei Medici. Promuoviamo in modo integrato visite agli Uffizi, con i ritratti dei Medici, e alle 12 ville medicee dell’Unesco. Ai turisti diremo: ecco i Medici che hai visto agli Uffizi vivevano qui e facevano questa vita. Inoltre, grazie alla possibilità offerta da alcune delle ville, daremo la possibilità di dormire dentro le stanze dove dormivano i Medici. È facilmente comprensibile che si tratti di un’esperienza meravigliosa per un turista che trascorre un periodo di vacanza in Toscana».


 

Tartellette di frolla ai ceci con kiwi, avocado e yogurt

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi