In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
Teatro

Le “Ombre abbaglianti” di Psy si allungano sulla Sala Bartoli di Trieste

Dal 21 al 24 settembre va in scena al Rossetti il “noir steampunk” di Gigi Funcis con Acquaviva, Dariol e Boni assieme agli ologrammi di Guanciale, Leo e Bonn

Annalisa Perini
2 minuti di lettura

TRIESTE Una Trieste che nessuno conosce, colta in un passato distopico, in cui la tecnologia si è evoluta in anticipo, e nella quale, in una quotidianità di emozioni narcotizzate, a svegliarsi è la “crime story”. E’ l’ambientazione dello spettacolo noir steampunk “Psy – Ombre abbaglianti”, in prima assoluta alla Sala Bartoli del Politeama Rossetti, dal 21 al 24 settembre, alle 20.30, per la manifestazione Approdi Futuri. E c’è anche un cameo video della criminologa Roberta Bruzzone, in un ruolo ironico, nell’allestimento di Gigi Funcis, con Lorenzo Acquaviva, Veronica Dariol e Giovanni Boni e con la partecipazione olografica di Lino Guanciale, Angelica Leo e Alejandro Bonn

L’evento promette di avvicinarsi più a un’esperienza cinematografica immersiva che a una pièce e l’ambientazione è un’immaginaria Trieste di inizi del Novecento, città, tra vapori e ombre della notte, in cui è “tutta un’altra storia”. Dopo il futuro distopico dello spettacolo “Libra”, proposto nel 2021 sempre in Approdi Futuri, infatti, la sfida, stavolta, è il tributo alla detective story e alla fantascienza in un passato alternativo, in un dialogo, in scena, tra cinema e il teatro. C’è un serial killer a cui dare un nome e un volto, e gli interpreti, fluttuando nella trama tra profilazione criminale e fantatecnologia, interagiscono su diverse dimensioni: i tre protagonisti si confrontano con altri quattro attori, tramutati però in ologrammi. La cornice globale vive di incursioni di visual mapping e contributi multimediali, ripresi con nuove tecniche e “pilotati” in tempo reale dalla regia”. Lorenzo Acquaviva interpreta un luminare, chiamato da un commissario, l'attore Giovanni Boni, a indagare su una catena di delitti. Lo psichiatra lavora con la sua assistente per creare il profilo del serial killer che terrorizza la città. Le indagini della polizia portano a vicoli ciechi e c’è chi comincia a sospettare che ci sia sotto un’enorme menzogna, forse troppo grande per essere accettata.

«Lino Guanciale, all’inizio dello spettacolo – spiega Acquaviva, direttore artistico di Approdi Futuri – interpreta una sorta di narratore, collocando quella Trieste del 1907 nel suo particolare tempo. La città “alternativa” e ipertecnologica è parte del Novissimo Sacro Impero, di cui è un centro culturale importantissimo e in cui convergono grandi personalità». La Bruzzone interpreta, nel suo cameo-ologramma, una psico-farmaceuta. «La storia – sottolinea Acquaviva – si innesca in una società "psicofarmaco dipendente". Le emozioni vengono tutte messe a tacere. Dal senso di colpa all’empatia sino alla paura e l’aggressività tutto viene risolto abitualmente tramite pastiglie e i crimini non esistono. Ma in una sorta di sonno tra le ombre crea grandissimo clamore che a svegliarsi siano le inaspettate, misteriose e cruente azioni di un assassino seriale».

Gigi Funcis, regista, visual designer, musicista e informatico, ha scritto e diretto anche il dramma apocalittico “Spiral” e la storia video teatrale “Yishi”, in cui Acquaviva prestava il volto all’intelligenza artificiale. L’attore è stato poi protagonista di “Libra”, scritto da Funcis assieme all’astrofisico Roberto Trotta e l’antropologa Giulia Corallo.

Biglietti per "Psy" al Rossetti o online su Vivaticket. Approdi Futuri è organizzato dal Festival Approdi e Vitamina T in collaborazione con La Cappella Underground e Trieste Atletica.

I commenti dei lettori