In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

BookTok, il trend da 75 miliardi di visualizzazioni, al Festivaletteratura di Mantova: “Così i creator rilanciano i libri che amano”

Grazioli (Sellerio): «L’editore nel momento in cui pubblica cerca l’incontro con i lettori. E come li incontra alle fiere, li incontra anche su Tiktok»

CATERINA STAMIN
Aggiornato alle 4 minuti di lettura

Creato da

Da oltre 20 anni il Festivaletteratura si appropria della strade di Mantova. Ne riempie le vie con incontri con autori internazionali, ne colora le piazze con presentazioni a tema e abbraccia un pubblico curioso e, soprattutto, sempre più giovane. Dopo il Salone del libro dello scorso ottobre e l’ultima edizione di maggio, il fenomeno #BookTok sbarca alla 21esima edizione della kermesse di Mantova, grazie anche alla presenza ‘reale’ di alcune BookToker. Le giovani Valentina Ghetti, Martina Levanto e Megi Bulla hanno raccontato e condiviso con la community virtuale di appassionati lettori contenuti esclusivi e incontri con i protagonisti – tra cui un'attesissima live con Zerocalcare –, rendendo il pubblico parte del Festival. «La cosa meravigliosa che abbiamo osservato – ha dichiarato Alessandro Grazioli, responsabile comunicazione dell’ufficio stampa di Sellerio Editore – è che la partecipazione di lettori più giovani è ormai una costante. Ed è un fenomeno che non possiamo non legare a TikTok». 

@festivaletteratura La letteratura è il luogo dell'incontro: e tu chi hai incontrato, oggi? #festlet #booktok #dietrolequinte ♬ GASLIGHT - INJI

Cos’è il fenomeno Booktok
Con oltre 75 miliardi di visualizzazioni a livello globale e 1 miliardo a livello italiano per l'hashtag #BookTokItalia, #BookTok si conferma come un fenomeno mondiale di successo che ha unito una community di appassionati lettori e neo tali attorno a un interesse condiviso. Nato in maniera spontanea durante il primo lockdown di marzo 2020, è il trend che ha segnato l'arrivo e l’evoluzione della passione per la lettura nella piattaforma dei giovani per eccellenza. Sono ormai risapute le ricadute sul mercato: sono diversi, infatti, i libri (classici o moderni) che hanno scalato le classifiche diventando best seller grazie alla viralità su TikTok. 


Le booktoker di Mantova
A Mantova quattro booktoker hanno raccontato attraverso “video pillole” gli eventi e il programma del Festival, hanno mostrato a migliaia di utenti la città con le sue vie animate dagli scrittori, hanno portato il pubblico dietro le quinte e hanno fatto conoscere alle loro community i protagonisti con interviste esclusive. «Racconto i libri che amo su booktok, tra trend e recensioni», ha spiegato Valentina Ghetti, 25enne, insegnante di italiano alle scuole medie, con una community di 100mila persone (@book.addicted). «Quella di quest’anno è stata la mia prima esperienza al festival e devo dire che è stato un colpo di fulmine – ha aggiunto la creator –. La città è splendida, il comitato organizzativo disponibilissimo e gli eventi davvero interessanti». 


Per Martina Levato, 25enne, con una community di 200mila persone (@levv97), TikTok è  «un “luogo sicuro” dove tutti i lettori possano sentirsi liberi di esprimersi». Assieme a Valentina alla kermesse di Mantova, si è detta «entusiasta» del Festival: «Avere gli eventi sparsi per la città rende l’esperienza davvero piacevole, perché, spostandoti da un luogo all’altro, puoi goderti la bellezza della città di Mantova. Sono rimasta piacevolmente sorpresa dalla quantità di giovani presenti al festival, sia come partecipazione attiva durante gli eventi, sia come volontari, che ho anche avuto il piacere di coinvolgere in un video. Il loro grande entusiasmo è sicuramente una delle cose che mi sono rimaste nel cuore».

Anche per Megi Bulla, 27 anni, con 218mila follower su TikTok (@labibliotecadidaphne), «il Festivaletteratura è stato una scoperta. Trovare una città meravigliosa popolata di eventi e laboratori per grandi e piccini è stato inaspettato. Ho amato scoprire edifici storici animati dagli “oooh” sorpresi dei bambini ne “Il re selvatico e altre fiabe” e le risate genuine a seguito dell’ennesimo battibecco tra ZeroCalcare e Giacomo Bevilacqua. Dopo un periodo storico in cui la protagonista sembrava essere solo l’emergenza sanitaria, tutta questa vita ha fatto bene al cuori di molti, ne sono convinta».

Le case editrici presenti sulla piattaforma
Come detto, il successo di BookTok ha attirato l’attenzione e il desiderio di prender parte alla conversazione social anche di case editrici e di scrittori affermati. «TikTok è uno strumento come Facebook, Instagram e come altri, è quello più nuovo – commenta Grazioli – . Per noi è interessante perché è lo spazio dove in questo momento si parlano i più giovani». L’effetto sul mercato è «strano da analizzare», confessa Grazioli, ma «sicuramente il grado di partecipazione con cui condividono la reazione di lettura ha un impatto di più forte che altrove».

@sellerio_editore Bernardo Zannoni, il giorno dopo . Con “I miei stupidi intenti” ha vinto la sessantesima edizione del Premio Campiello e noi non potremmo essere più orgogliosi! #campiello #premiocampiello #bernardozannoni #imieistupidiintenti #booktok #books #sellerio #libriblu #esordio ♬ suono originale - Sellerio editore

Sellerio è l’editore di Una vita come tante, diventato virale anche grazie a TikTok con migliaia e migliaia di condivisioni. Per questo, sulla piattaforma «un po’ ci siamo ritrovati – ammette Grazioli –, poi abbiamo cercato di continuare un dialogo con i lettori». Come Sellerio, anche Mondadori, Ippocampo,Neri Pozza, Bao Publishing, Star Comics, Minimum Fax, Iperborea, Sperling Kupfer, Il Battello a Vapore e Libraccio, condividono contenuti quotidianamente per mantenere un dialogo costante coi lettori. «L’editore nel momento in cui pubblica cerca l’incontro con i lettori – conclude Grazioli –. E come li incontra alle fiere, li incontra anche su Tiktok».

I libri più discussi nella #BookTok community
Tra i libri più chiacchierati nella #BookTok community vi sono i titoli che ormai si possono definire “i classici del BookTok” come La canzone di Achille, Madeline Miller, L'ultima notte della nostra vita, Adam Silvera e Una vita come tante, Hanya Yanagihara. Per il filone dei gialli e dei thriller spiccano Come uccidono le brave ragazze di Holly Jackson, i cui video si trovano sotto l’hashtag #agggtm e l’intramontabile La verità sul caso Harry Quebert di Joël Dicker ,con 230 mila di visualizzazioni. Apprezzato anche il genere fantasy che con TikTok e la sua community è stato riscoperto tra classici e nuove uscite come Legenborn di Tracy Deonn e C’era una volta un cuore spezzato di Stephanie Garber che stanno tenendo i BookToker incollati alle loro pagine. Fantasy storico e al contempo romanzo di formazione, di cui è attesissima l’uscita del terzo volume, sono invece i due volumi della tetralogia Le cronache dell’acero e del ciliegio di Camille Monceaux con oltre 900 mila visualizzazioni. Romance e intrecci d’amore con It ends with us (Siamo noi a dire basta) di Colleen Hoover con oltre 1.3 miliardi di visualizzazioni; I sette mariti di Evelyn Hugo di Taylor Jenkins Reid con più di 5 milioni di views e l’auto pubblicato Come anima mai di Rossana Soldano (35 milioni di visualizzazioni). Tra i classici, spiccano il celeberrimo giallo di Agatha Christie Dieci piccoli indiani e L’Amico ritrovato di Fred Uhlman. I due romanzi, che rispettivamente totalizzano 250mila le visualizzazioni per il racconto scritto nel 1939 e altrettante per il racconto parte della Trilogia del Ritorno, sono spesso oggetto di gare di lettura da 24h che gli utenti propongono in-app. Protagonisti di numerosi video anche gli scritti della politologa, filosofa e storica tedesca naturalizzata statunitense Hannah Arendt – l’hashtag #HannahArendt conta 1.4 milioni visualizzazioni.

I commenti dei lettori