In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
la situazione

Incendi sul Carso, ancora fiamme ma situazione in miglioramento a Savogna

Nell’undicesimo giorno di lotta incessante contro il fuoco, infatti, in azione sui cieli del Friuli Venezia Giulia c’erano ben quattro Canadair (due sul Carso e altrettanti tra Friuli e Pordenonese) e tre elicotteri

Aggiornato alle 1 minuto di lettura

GORIZIA. Un dispiegamento «di forze e mezzi senza precedenti», per dirla con le parole del vicegovernatore Riccardo Riccardi, per fronteggiare, oggi, gli incendi in regione, a dimostrazione del fatto che l’emergenza non è affatto finita.

Nell’undicesimo giorno di lotta incessante contro il fuoco, infatti, in azione sui cieli del Friuli Venezia Giulia c’erano ben quattro Canadair (due sul Carso e altrettanti tra Friuli e Pordenonese) e tre elicotteri, in un’enorme battaglia contro le fiamme che ha coinvolto decine di uomini e donne della Protezione civile regionale, del Corpo forestale, dei volontari Antincendi boschivi e dei Vigili del fuoco, questi provenienti anche da altre regioni italiane.

In Carso operativi pure cinquanta pompieri sloveni, per dare man forte nella zona del monte Brestovec, tra Devetachi e San Michele, divorata dal fuoco da mercoledì pomeriggio.

Oggi – venerdì 29 luglio - è stato questo, il fronte in Carso, quello più critico, anche se, complice il vento in diminuzione, con il passare delle ore si è riusciti a contenere i roghi e a evitare che il fuoco si espandesse ulteriormente. Il peggio si era visto nel tardo pomeriggio di giovedì, fino alla mattinata di venerdì. Poi il lento miglioramento, benché i focolai non siano spenti e si continui a lavorare senza sosta.

Nella mattinata tra il casello autostradale del Lisert e Sablici è stato segnalato un focolaio che è stato prontamente spento e bonificato da vigili del fuoco assieme ai volontari AIB della Protezione Civile; il focolaio non ha interferito con il traffico autostradale e nemmeno con quello ferroviario.

I commenti dei lettori