In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Classi solo per rom, scontro in Slovacchia

Per la prima volta una sentenza impone di eliminare la separazione tra i banchi. La scuola si oppone

1 minuto di lettura

BELGRADO

I contendenti: le autorità scolastiche e un tribunale. Il pomo della discordia: gli alunni rom di una scuola elementare in Slovacchia, quella del paesino di Sarisske Michalany. Sarà una questione che farà discutere ancora a lungo quella nata nel distretto di Presov, nel Nordest del Paese. Il caso è scoppiato con la decisione di una Corte distrettuale locale di sanzionare, per la prima volta nella storia slovacca, la pratica di un istituto scolastico di separare gli alunni di etnia rom da quelli slovacchi “puri”. Alla scuola sono iscritti 430 studenti, di cui più della metà rom. Delle 22 classi attive, ben 12 sono riservate ai soli zingari. Tutte collocate su un piano diverso da quelle degli altri ragazzi, per aumentarne ancor più la distanza e l’esclusione.

Secondo la sentenza, i dirigenti scolastici hanno 30 giorni per creare classi miste ma la scuola si oppone. «Stiamo preparando un appello contro la decisione della Corte», ha dichiarato la direttrice Maria Cvancigerova al quotidiano slovacco d’indirizzo liberale “Sme”. «Non discriminiamo nessuno, al contrario. Cerchiamo di aiutare i bambini rom» ha rincarato, giustificandosi col fatto che le classi “speciali” consentono di seguire meglio i rom, che spesso «non parlano slovacco, non rispettano le norme basilari d’igiene e non sono assistiti dai genitori, fattori che li condannerebbero a fallire se inseriti in classi miste», ha spiegato un’altra insegnante al giornale. La questione ora ritornerà nelle mani dei giudici – e il rappresentante del governo per la questione rom si è già schierato dalla loro parte – ma intanto i residenti “non-rom” del villaggio parteggiano compatti a favore della separazione. Minacciano di togliere i propri figli dall’istituto e di costringerli al pendolarismo pur di evitare le classi miste. Malgrado le promesse e gli sforzi delle autorità nazionali, la segregazione dei rom nel sistema educativo in Slovacchia è una consuetudine ancora molto diffusa. Secondo il commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa Thomas Hammarberg, che ha pubblicato a fine dicembre un nuovo rapporto sulla Slovacchia, la segregazione prende forma attraverso «l’assegnazione sproporzionata di bambini rom a scuole speciali per bimbi con disabilità mentali o con l’inserimento degli alunni rom in classi o scuole solo per rom». Un’abitudine, come dimostra il caso di Sarisske Michalany, difficile da estirpare. (s.g.)

I commenti dei lettori