Menu

L'APPROFONDIMENTO

Immigrazione e Forza Nuova: la sicurezza fai-da-te nell'era della destra estrema a Trieste e dintorni

Tutto è cominciato con una "perlustrazione" nel perimetro che circonda la stazione. Ma nell'agenda di Forza Nuova c'è già un altro appuntamento in Val Rosandra, là dove gli immigrati della rotta balcanica cercano di eludere i controlli. Dopo il bltiz estivo del vicesindaco Polidori sulle Rive triestine per scacciare giovani pakistani e afghani, sono intervenute anche le ronde del partito di estrema destra che si sono lanciate in un'attività di controllo del territorio. Un'azione che, nonostante il silenzio di alcune istituzioni, ha messo in agitazione la società civile. A contrastarli, per ora, le reazioni dell'opposizione e della Chiesa, e il sindaco di San Dorligo della Valle, che minaccia di chiamare la polizia non appena i militanti di estrema destra si affacceranno sul Carso. E proprio al di là del confine, nei boschi sloveni, ha iniziato ad allenarsi un gruppo di paramilitari intenzionato ad "assicurare l'ordine" (a cura di Benedetta Moro)

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro