Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

C’è il terreno ma non i fondi Niente cimitero degli animali

la vicendaCi vorrà ancora un po’ di tempo per veder sorgere l’annunciato Cimitero per animali di Gorizia. «Al momento, l’amministrazione comunale sta procedendo con le verifiche per vedere se intanto...

la vicenda



Ci vorrà ancora un po’ di tempo per veder sorgere l’annunciato Cimitero per animali di Gorizia. «Al momento, l’amministrazione comunale sta procedendo con le verifiche per vedere se intanto è possibile partire con un primo lotto che, in base alle richieste e ai riscontri, potrà poi essere ampliato in futuro», dichiara l’assessore al Benessere degli animali, Chiara Gatta.

A giudicare da esperienze di altre città, la risposta del pubblico è fin troppo entusiasta. Sono in tanti a vole ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

la vicenda



Ci vorrà ancora un po’ di tempo per veder sorgere l’annunciato Cimitero per animali di Gorizia. «Al momento, l’amministrazione comunale sta procedendo con le verifiche per vedere se intanto è possibile partire con un primo lotto che, in base alle richieste e ai riscontri, potrà poi essere ampliato in futuro», dichiara l’assessore al Benessere degli animali, Chiara Gatta.

A giudicare da esperienze di altre città, la risposta del pubblico è fin troppo entusiasta. Sono in tanti a volersi riservare uno spazio dove seppellire e piangere un caro estinto (generalmente) a quattro zampe. Il progetto in ogni caso risente anche dell’incidenza di altre priorità, tra le quali spiccano le spese per i lavori di adeguamento urgente del canile. Come conferma l’assessore, la progettazione preliminare del campo santo per gli animali è soggetta al reperimento di fondi, altrimenti non potrà che essere rinviata al prossimo anno. In altre parole per arrivare al taglio del nastro potrebbero facilmente passare due anni. Il progetto comunque rimane, anche se le risorse economiche non sono molte. «Al momento ci siamo dovuti concentrare sulla nuova legge regionale che stabilisce, per i canili, delle nuove misure per i box riservati agli animali e dei parametri per le temperature minime e massime da mantenere in estate e in inverno all’interno della struttura. Stiamo studiando con gli uffici tecnici le misure necessarie per il riscaldamento e il raffreddamento, mentre i box andavano già bene», spiega Gatta.

Secondo la legge regionale, ci sono comunque due anni di tempo per adeguarsi alle nuove normative. Per i piccoli interventi, come i cartelli che portano al canile, il Comune può agire subito. Il piano di interventi dovrebbe essere reso noto con un annuncio ufficiale entro il mese.

Il progetto del cimitero per animali, secondo quanto comunicato a marzo dall’amministrazione, risulterà enorme: 13.600 metri quadri e mille posti da assegnare con una rotazione quinquennale. Chiaramente se dovesse essere realizzato intanto un primo lotto, la dimensione varierà. Quello che è certo è che sorgerà, sempre stando ai primi annunci, su una porzione di terreno di proprietà comunale limitrofa al camposanto di via Trieste, nella parte più prossima alla Motorizzazione civile. Alcuni mesi fa sono state presentate le linee guida del progetto per ottenere un parere preliminare da parte dell’Azienda sanitaria. L’area individuata rispetta i requisiti della legge regionale di riferimento, la 12/2011. Il terreno risponde alle normative che parlano di precise distanze dai centri abitati ma anche dai cimiteri. Gli animali devono essere seppelliti, infatti, ad almeno 25 metri da una tomba destinata a un essere umano. Oltre alle tombe “vere” per i piccoli amici a quattro zampe si sta pensando anche a un camposanto virtuale sul portale istituzionale del Comune. In pochi passaggi sarà così possibile creare gratis un “cippo virtuale”, con foto e nome dell’animale defunto. —