Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

«L’antenna di Santa Barbara sarà spostata prima possibile»

L’assessore di Muggia Litteri replica all’interrogazione del deputato di Fdi Rizzetto «A breve gli scavi in un’altra zona per accertare l’assenza di reperti archeologici»

MUGGIA

«Ci fa piacere che il deputato Walter Rizzetto si occupi della situazione delle antenne sul territorio di Muggia, anche se consideriamo tardivo questo interessamento poiché, dopo un duro lavoro durato anni, il Comune ha risolto il problema dell’inquinamento elettromagnetico sul suo territorio». Laura Litteri, assessore all’Ambiente, replica piccata alle dichiarazioni del parlamentare friulano di Fdi che ha chiesto formalmente, tramite un’interrogazione al governo, la rimozione dell’an ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

MUGGIA

«Ci fa piacere che il deputato Walter Rizzetto si occupi della situazione delle antenne sul territorio di Muggia, anche se consideriamo tardivo questo interessamento poiché, dopo un duro lavoro durato anni, il Comune ha risolto il problema dell’inquinamento elettromagnetico sul suo territorio». Laura Litteri, assessore all’Ambiente, replica piccata alle dichiarazioni del parlamentare friulano di Fdi che ha chiesto formalmente, tramite un’interrogazione al governo, la rimozione dell’antenna installata sul monte Castellier a Santa Barbara anche a causa della vicina presenza di reperti archeologici.

Una rimozione - specifica Litteri - che è già nei progetti del Comune, che sta lavorando, assieme alla Soprintendenza, per individuare una zona priva di reperti, nella quale spostare il traliccio: «È una cosa non semplice – puntualizza Litteri – in quanto la zona deve anche essere idonea alla trasmissione dei segnali radioelettrici. A tale scopo è stato commissionato uno studio all’Università di Udine, studio che si è appena concluso e che ha individuato una zona adeguata nella quale inizieranno a breve gli scavi per verificare la presenza o meno di reperti». Litteri evidenzia comunque i “benefici” del manufatto: «Il traliccio installato a Santa Barbara ha permesso di abbattere ben sei tralicci abusivi presenti nella zona di Chiampore e anche grazie a questo abbiamo potuto azzerare i punti di sforamento dei limiti di legge delle emissioni elettromagnetiche presenti in quell’area, potenzialmente dannosi per la salute dei cittadini: prima i valori erano a 43, ora a zero. Evidentemente – ironizza Litteri – il deputato Rizzetto ha a cuore i cittadini di Santa Barbara, ma un po’ meno quelli di Chiampore». Puntualizzando che «il traliccio di Santa Barbara non inquina», o, meglio, che le sue emissioni sono ben al di sotto dei limiti di legge, il Comune ricorda di aver installato nella zona una centralina «che registra le emissioni in continuo, proprio per monitorare costantemente che non ci sia inquinamento elettromagnetico».

Rizzetto aveva anche evidenziato come il traliccio sia collocato vicino ad alcuni reperti archeologici. Anche qui Litteri risponde a tono: «Certamente anche a noi stanno a cuore i reperti archeologici, ma la salute dei cittadini viene per prima». Litteri infine ricorda la motivazione per cui il traliccio non può essere smantellato immediatamente: «Non possiamo far abbattere tout court il manufatto di Santa Barbara perché, in mancanza di emissioni inquinanti oltre i limiti di legge, incorreremmo nella condizione di interrompere un pubblico servizio, così come sottolineato dal ministero dello Sviluppo economico. Rizzetto comunque avrebbe avuto tutte queste informazioni se avesse chiesto al suo compagno di partito consigliere a Muggia (Nicola Delconte, ndr) un accesso agli atti negli uffici comunali sulla situazione dell’antenna di Santa Barbara, prima di fare un’interrogazione chiedendo l’intervento del governo». —