Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Mozziconi e lattine, il degrado al parco giochi

Non trova pace l’area verde di via Mazzini, già bersaglio dei vandali. Nel degrado anche la zona del castelliere di Elleri

MUGGIA

Pacchetti di sigarette, mozziconi, lattine e altre immondizie varie. Sembra davvero non trovare pace il parco giochi di via Mazzini, una delle zone muggesane più bersagliate dai maleducati. E intanto ieri è emerso attraverso il web il degrado in cui versa l’area del castelliere di Elleri. Negli ultimi giorni è stato preso di mira anche il retrostante campetto di pallacanestro: cartacce, sacchetti, bottiglie di plastica e vetro sono stati abbandonati nell’area di gioco in cemento.

Da ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

MUGGIA

Pacchetti di sigarette, mozziconi, lattine e altre immondizie varie. Sembra davvero non trovare pace il parco giochi di via Mazzini, una delle zone muggesane più bersagliate dai maleducati. E intanto ieri è emerso attraverso il web il degrado in cui versa l’area del castelliere di Elleri. Negli ultimi giorni è stato preso di mira anche il retrostante campetto di pallacanestro: cartacce, sacchetti, bottiglie di plastica e vetro sono stati abbandonati nell’area di gioco in cemento.

Da anni lo spazio giochi per bambini di via Mazzini è preso di mira da ignoti. Nel 2013 il ponte tibetano presente all’interno del parco venne danneggiato con del fuoco che sciolse le corde di un lato del manufatto lasciando quindi la struttura pericolante e quindi inagibile. Due anni dopo, invece, vi furono in pochi giorni una serie di veri e propri raid vandalici.

“L’albero dei bambini”, il ciliegio piantato nel mese di dicembre da San Nicolò su richiesta di un gruppo di bambini muggesani, era stato divelto. Così come le piante presenti nella zona e una parte delle reti di recinzione.

Non si contavano poi le scritte col pennarello sui giochi di bambini con tanto di parolacce. La risposta del Comune in accordo con le forze dell’ordine fu di abbassare drasticamente l’aiuola perimetrale in modo da agevolare i controlli incrementando la visibilità dell’interno del giardino anche da un semplice passaggio in pattuglia. Nonostante il taglio della siepe, il degrado dell’area prosegue.

«Spiace che vi siano ancora questi brutti gesti senza senso. La consapevolezza che il bene di tutti debba essere tutelato da tutti è un valore che purtroppo qualcuno non riesce davvero a fare proprio», ha stigmatizzato l’assessore alla Polizia locale Stefano Decolle.

Per ora non vi paiono essere all’ordine del giorno dei provvedimenti specifici per monitorare l’area anche se in realtà si vocifera che il Comune potrebbe intervenire presto con l’installazione di alcune nuove videocamere di sorveglianza che potrebbero interessare proprio l’area del parco giochi di via Mazzini.

Intanto ieri ha destato scalpore la situazione d’incuria del verde nell’area del castelliere di Elleri. Pronta la spiegazione del primo cittadino di Muggia Laura Marzi: «La cura di quella zona rientra nel progetto di cittadinanza attiva stipulato con un comitato di residenti di Santa Barbara. La convenzione è scaduta, ma auspichiamo che a breve vi sia un rinnovo. In caso contrario - prosegue il sindaco - sarà il Comune ad intervenire tempestivamente, soprattutto in vista di un maggior afflusso di turisti prevedibile con la fine dei mesi più caldi». –