Quotidiani locali

il caso

Trieste, insultati e strattonati in casa di riposo: arrestati due dipendenti dell'Alida

Gli anziani ospiti della struttura polifunzionale, gestita da privati, avrebbero subìto insulti, minacce e strattonamenti. Indagini della Guardia della finanza

Trieste, maltrattamenti in casa di riposo: due arresti La Guardia di finanza di Trieste ha arrestato due assistenti socio-assistenziali, un uomo e una donna, ora ai domiciliari, accusati di maltrattare gli anziani ospiti di una casa di riposo del capoluogo giuliano gestita da privati. I provvedimenti sono stati disposti dal Tribunale di Trieste al termine di accurate e delicate indagini svolte anche con l’ausilio di attività tecnica all'interno della struttura polifunzionale: in questo modo sono stati rilevati diversi spiacevoli episodi di prepotenze (insulti, minacce e strattonamenti) nei confronti di persone anziane e malate. L'articolo

TRIESTE Il I Gruppo della Guardia di finanza di Trieste ha dato esecuzione a due misure di custodia cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di altrettanti operatori socio-assistenziali di una casa di riposo triestina, accusati di maltrattare gli anziani ospiti della struttura polifunzionale interessata dalla vicenda e gestita da privati. La casa di riposo è la "Alida" in via San Nicolò 8. 

L'edificio di via San Nicolò che...
L'edificio di via San Nicolò che ospita la struttura polifunzionale (foto Lasorte)

I provvedimenti sono stati disposti dal Tribunale di Trieste – Sezione dei Giudici per le Indagini Preliminari al termine di accurate e delicate indagini svolte anche con l’ausilio di attività tecnica presso i locali della casa di riposo: in questo modo sono stati rilevati diversi spiacevoli episodi di prepotenze (insulti, minacce e strattonamenti) nei confronti di persone anziane e malate, che hanno avuto come protagonisti i due arrestati, un uomo ed una donna, dimostratisi incuranti dello stato di fragilità e solitudine delle loro vittime.

Una scena ripresa da una telecamera...
Una scena ripresa da una telecamera all'interno della casa di riposo

I responsabili sono stati posti agli arresti presso le loro abitazioni a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, la quale ha ritenuto necessario adottare tali misure restrittive per evitare che costoro potessero reiterare i loro comportamenti delittuosi nei confronti di quelle persone di cui avrebbero dovuto prendersi cura.

Le descritte attività di polizia giudiziaria sono espressione delle diversificate competenze con cui opera quotidianamente la Guardia di finanza la quale, moderna Forza di Polizia Economico-Finanziaria, rappresenta un presidio di legalità per la tutela e la salvaguardia dei cittadini da ogni forma di illecito.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Premio ilmioesordio, invia il tuo libro