Quotidiani locali

la chiusura

Trieste, Campo Marzio saluta la storica banca di bottegai e portuali

Chiusi dal 25 maggio gli sportelli ospitati all’Ortofrutticolo. Molti clienti non seguiranno Unicredit nella sede di Cavana

TRIESTE Chiude i battenti, per la “disperazione” del rione di San Vito e di tutta l’area che chiude le Rive, la storica filiale Unicredit inserita nello stesso comprensorio del Mercato ortofrutticolo di Campo Marzio. Un po’ per i tagli del gruppo e un po’ per la trasformazione che la location subirà in un futuro ormai prossimo, siamo dunque ai titoli di coda. La data ufficiale in cui verrà abbassata la “serranda” è quella di venerdì 25 maggio, ma già dalla fine di questa settimana verranno pian piano trasferiti i conti, tutti ovviamente con nuovo iban, nella struttura del gruppo di Cavana, sempre per chi lo desideri. È proprio quella di Cavana la filiale che assorbirà i vecchi clienti e che è stata individuata come banca di “atterraggio”. Tanti correntisti fanno parte ancora dell’epoca in cui, tra porto e mercato, c’era un via vai continuo da quelle parti. Erano dipendenti delle due strutture e tanti, pur avendo raggiunto la pensione, erano rimasti fedeli alla loro banca. Ma oggi, appresa la notizia, il 90% ha deciso di sfruttare gli istituti di credito vicini alla propria casa per pura comodità, a Valmaura piuttosto che a Muggia: la banca di Cavana non è per forza la soluzione, anzi.

leggi anche:



Certo rimarrà un problema, invece, la mancanza di un bancomat per l’ultima fetta delle Rive, che pullula di bar, ristoranti e negozi, così come per i residenti che vivono tra piazza Carlo Alberto, via Hermet, via Montfort, via Lazzaretto vecchio e via Economo, che, su questa banca, ci contavano. Nessun dipendente comunque, riferiscono i ben informati, rischia il posto. Rimane l’incognita su dove verranno trasferiti. Infatti, se qualcuno ha già ricevuto il nuovo incarico, la maggior parte non sa ancora dove finirà.

Ma torniamo alle cause dell’abbandono di Campo Marzio da parte di Unicredit. Uno dei motivi principali è rappresentato dai tagli che i grandi gruppi stanno effettuando ormai da diversi anni, ma non va sottovalutato il fatto che fra un po’ di tempo l’Ortofrutticolo verrà trasferito in zona industriale e lo stesso edificio verrà acquistato da qualche nuovo gruppo imprenditoriale interessato ad aprire nuove attività. A sostenere che si tratti più di una scelta autonoma del gruppo è l’assessore al Patrimonio Lorenzo Giorgi. «Unicredit, a prescindere dello spostamento dell’Ortofrutticolo, ha compiuto una decisione autonoma, legata probabilmente a una contrazione degli “affari”. Oggi viene fatto tutto attraverso la banca online, l’esistenza dello sportello non ha più la stessa valenza. E bisogna pensare poi che un tempo c’era una marea di persone in quella zona, mentre oggi ci sono anche due altre banche in via Locchi e un’altra in piazza della Borsa, che non è molto distante. Ha fatto molto più “scandalo” la chiusura dello sportello interno al Comune, restano comunque pur sempre scelte commerciali».

leggi anche:

E proprio sul destino degli spazi di Campo Marzio l’esponente della giunta Dipiazza annuncia aggiornamenti: «L’altro ieri, in Consiglio comunale, a tarda notte ormai, abbiamo approvato l’acquisizione di Duke (in via Ressel, un immobile di 2.515 metri, ndr), dove andrà il nuovo mercato. Lo realizzeremo con tutti gli operatori, cosa molto importante. Si tratta di una delle acquisizioni sempre tentate e mai fatte nella storia, è da vent’anni che si cerca di spostarlo e per tutti coloro che ci hanno provato è stato un fallimento. L’area di Campo Marzio è strategica per la città, con tutta la rivitalizzazione che si sta avviando». Ha puntato gli occhi proprio su questo complesso, a quanto è dato sapere, un grosso gruppo di investitori che vorrebbe creare spa e piscine. «La zona – conclude Giorgi – così aumenta di valore: l’edifico varrà ben oltre i 20 milioni. Anche l’ex Meccanografico, ad esempio, che infatti ho tolto dalle alienazioni di quest’anno in modo che nei prossimi valga di più».


©RIPRODUZIONE RISERVATA
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori