Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Politiche 2018, il Fvg colorato dall'onda verde: Lega batte Fi 155 a zero

Il leghista Massimiliano Fedriga

Quali sono i partiti che hanno vinto nel voto di lista in ognuno dei 215 municipi della regione? Prevale il Carroccio (verde), seguito dal Movimento 5 Stelle (giallo). Residuali e sparse vittorie del Pd (rosso), un solo paesino al Patto per l'autonomia. Neanche un primato per gli azzurri berlusconiani

TRIESTE. In ordine alfabetico da Aiello, dove vince il Movimento 5 Stelle, a Zuglio, dove la Lega taglia per prima il traguardo. Stando invece alla geografia c’è una grande marea verde padano (o ex padano che sia) che ha conquistato il Friuli Venezia Giulia per oltre il 70% dei suoi comuni.

La conferma di un trionfo alle politiche messo in discussione in qualche area solo dai pentastellati, con il Pd lontanissimo dagli anni belli e una Forza Italia ridimensionata oltre ogni pessimistica previ ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

TRIESTE. In ordine alfabetico da Aiello, dove vince il Movimento 5 Stelle, a Zuglio, dove la Lega taglia per prima il traguardo. Stando invece alla geografia c’è una grande marea verde padano (o ex padano che sia) che ha conquistato il Friuli Venezia Giulia per oltre il 70% dei suoi comuni.

La conferma di un trionfo alle politiche messo in discussione in qualche area solo dai pentastellati, con il Pd lontanissimo dagli anni belli e una Forza Italia ridimensionata oltre ogni pessimistica previsione degli azzurri. Prendendo in esame il voto nei territori della regione la Lega mette la sua bandierina in 155 comuni su 215, il triplo del M5S, primo partito in 51 comuni.

Restano le briciole al Pd, che mette la testa avanti solo 8 volte, e al Patto per le Autonomie: l’unico squillo si registra a Valvasone Arzene, dove gli autonomisti sono saliti al 36% candidando il sindaco Markus Maurmair. Grande assente dalla mappa del voto è Fi: gli azzurri non sono riusciti a primeggiare nemmeno in un solo municipio.

A guardare la cartina il dominio leghista riguarda soprattutto le province di Udine e Pordenone, dove si fatica a trovare qualche colore avversario, eccezion fatta per i due capoluoghi. A Udine il primo partito è il Pd con il 22,8%, davanti a M5S (21,3%) e Lega (20,5%). Una buona notizia per i dem in una città che il centrosinistra ha controllato per quattro legislature di fila con Sergio Cecotti prima e Furio Honsell poi. Vincenzo Martines, il candidato Pd per la poltrona di sindaco, dovrà tuttavia fare attenzione alle rinnovate possibilità di un centrodestra che, a livello di coalizione, è avanti pure nel capoluogo friulano.

A Pordenone, lì dove Alessandro Ciriani di FdI ha vinto nel 2016, c’è stata una vera e propria volata. A spuntarla i grillini con il 22,3%, quindi Pd (22,1%) e Lega (21,1%). Nel Pordenonese ci sono anche le vittorie 5Stelle a Castelnovo del Friuli, Frisanco, Spilimbergo e Vajont, mentre in Alto Friuli il movimento di Luigi di Maio prevale a Moggio, Resiutta, Prato Carnico e Rigolato. Ma è a Est che il M5S piazza più di un colpo, a partire da Trieste e Gorizia. Nella Venezia Giulia i grillini vincono anche a Capriva, Cormons, Farra d’Isonzo, Fogliano Redipuglia, Gradisca, Mariano, Medea, Monfalcone, Moraro, Mossa, Romans, Ronchi, Sagrado, San Canzian, San Lorenzo Isontino, San Pier d’Isonzo, Staranzano, Turriaco, Villesse, Duino, Muggia e San Dorligo.



Le 8 vittorie dem? Oltre a Udine, a Sgonico, Monrupino, Doberdò del Lago, San Floriano e Savogna. Nel Nord della regione bisogna poi andare a Sauris e a Raveo per trovare più voti Pd che non grillini e leghisti