Quotidiani locali

«Allacciamenti del gas in dirittura d’arrivo»

AcegasApsAmga e Comune di Gradisca assicurano i residenti di via Palmanova: esperite tutte le procedure

GRADISCA. «Non ci sono problemi di competenze fra Comune e AcegasApsAmga per giungere all'estensione della rete gas in via Palmanova". I residenti di borgo Basiol di Gradisca hanno evidentemente colto nel segno: sono riusciti in qualche modo a ottenere delle risposte più chiare sulla vicenda degli allacciamenti alla rete che manca in quella zona da 25 anni. In una nota congiunta, la multiutility e il Comune di Gradisca d’Isonzo confermano quanto correttamente riportato dal Piccolo: i due enti si sono accordati nel corso dell’estate 2017 per procedere all’estensione della rete gas in via Palmanova durante l’anno in corso, a favore quindi della stagione termica 2018-2019. Tali accordi sono stati formalizzati dall’amministrazione comunale a inizio luglio scorso e pochi giorni dopo AcegasApsAmga ha confermato la presa in carico e l’inizio delle attività propedeutiche all’estensione già a partire dal mese di settembre.

Come da accordi, la multiutility ha proceduto con i sopralluoghi e la progettazione dell’intervento durante i mesi di settembre e ottobre, richiedendo le autorizzazioni necessarie all’apertura dello scavo agli enti preposti nel mese di novembre. «Non esistono insomma problemi di competenze tra amministrazione comunale e AcegasApsAmga: attualmente la multiutility attende solo le ultime autorizzazioni richieste ai singoli enti per per aprire lo scavo e iniziare i lavori di estensione rete che, in ogni caso, risultano in linea con le tempistiche concordate».

La vicenda era ritornata agli onori delle cronache a seguito delle lamentele dei residenti di via Palmanova che avevano scirtto al Comune preoccupati per l'assenza di notizie. Nei giorni scorsi una lettera - a firma di cittadini ma anche di un paio di attività produttive della zona - era stata inoltrata all'amministrazione per comprendere quale fosse lo "stato dell'arte" nella soluzione dell'annoso problema. La lettera dei cittadini di via Palmanova chiedva conto delle problematiche «tecniche e burocratiche» palesate dall'amministrazione e chiede, «qualora l'amministrazione non intenda farsi carico dell'onere di costruzione di sua competenza», di «ripristinare quantomeno per i cittadini interessati la possibilità di abbattimento delle accise a fini fiscali per zona pur essendo la zona fatta ricadere sin dal 2013 nel centro storico». I cittadini in tutti questi anni si sono arrangiati come potevano: ovvero, innanzitutto, rimettendoci un bel po' di quattrini rispetto ai propri concittadini che abitano appena qualche numero civico più in là. Colpa di una progettazione che, una quindicina d'anni or sono, non aveva tenuto conto di loro. O meglio dello sviluppo urbanistico della zona.

Questo dava se non altro diritto agli sfortunati gradiscani di borgo Basiol ad alcune agevolazioni per l'acquisto delle bombole gpl. Agevolazioni che hanno scoperto solamente nel 2013 essere state abolite tre anni prima.

Successivamente

tale lieve beneficio è infatti venuto meno per il reinserimento nella dicitura di "centro abitato". E da questa anomalia di cui si sono accorti i residenti è ripartita la battaglia dei cittadini, che sono «tornati alla carica» con la giunta.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro