Quotidiani locali

Un malore, muore nell’auto finita nel fosso

Giuliana Zorzin, 74 anni, ha perso il controllo della vettura in via Annia. Grande cordoglio ad Aquileia

AQUILEIA. Ha perso il controllo dell’auto a causa di un improvviso malore. È stata l’ispezione cadaverica, effettuata dal medico legale, a chiarire la causa del decesso di Giuliana Zorzin, 74 anni. La donna, venerdì sera, era al volante della sua utilitaria, una Volkswagen Polo. Erano circa le 21 e stava percorrendo, lungo via Annia, il tratto di strada che porta all’idrovora, lungo il fiume Terzo. All’improvviso s’è sentita male e ha perso il controllo della macchina, che, dopo essersi capovolta, è finita in un canale di scolo. A dare l’allarme è stato un agente della sorveglianza diurna e notturna che, proprio in quel momento, stava effettuando un servizio di controllo sul territorio. Immediata la chiamata ai soccorsi. L’agente della vigilanza s’è gettato in acqua e ha estratto, con l’aiuto di un vigile del fuoco, la 74enne dall’abitacolo. Inutili i tentativi di salvarle la vita. Purtroppo Giuliana Zorzin era già morta. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di Aquileia, i vigili del fuoco del distaccamento di Cervignano, un’ambulanza del 118 e gli addetti delle onoranze funebri Pinca per la rimozione della salma. Giuliana era molto stimata e conosciuta ad Aquileia. È ricordata per il suo grande amore nei confronti degli animali, i gatti in particolare, di cui si prendeva cura quotidianamente. Una donna sensibile e di grande cultura.

«Aveva vissuto all’estero per un periodo e poi aveva scelto di dedicare la sua vita di pensionata ai gatti, prendendosi cura delle colonie feline – il ricordo di Mauro e Maura, due cari amici –. Giuliana, che aveva fatto parte del Clemm (comitato locale etico mondo migliore) di Aquileia, era semplice e sensibile. Avevamo costruito una grande cuccia per i suoi gatti, per farli trascorrere al caldo l’inverno. Giuliana lascia un grande vuoto. La ricorderemo con tanto affetto e cercheremo di fare il possibile per sistemare al meglio i suoi piccoli amici». Anche Sonia Delle Case, vicepresidente dell’associazione Amici di Poldo di San Vito al Torre, conosceva bene Giuliana: «Gli ultimi vent’anni della sua vita sono stati dedicati ai gatti – ricorda –. Seguiva tre colonie feline ad Aquileia. Si occupava

delle cure e delle sterilizzazioni. La sera in cui è morta stava andando, come faceva quasi tutte le sere, a dare da mangiare ad alcuni dei suoi gatti». Il sindaco, Gabriele Spanghero, ha espresso, a nome della comunità, la vicinanza ai familiari.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro