Quotidiani locali

Premiati i migliori studenti di Duino

Manuel Giacaz, Nicolò Ermanno Millo, Javier Goyeneche e Paolo Urizio invitati in Comune 

DUINO AURISINA . Manuel Giacaz, Nicolò Ermanno Millo, Javier Goyeneche e Paolo Urizio. Sono questi gli studenti d’eccellenza di Duino Aurisina, premiati ieri con borse di studio individuali, messe a disposizione dal Comune, nel corso della seduta del consiglio comunale. È stata Daniela Pallotta, sindaco di Duino Aurisina, a consegnare personalmente in aula a questi quattro giovani le buste con i contributi in denaro «che rappresentano un riconoscimento del vostro lavoro, del vostro impegno, della vostra volontà di migliorarvi. Con l’istituzione di queste borse di studio l’amministrazione ha rinverdito una tradizione dimenticata e che vogliamo far rivivere».

Ovviamente un po’ emozionati, perché invitati uno alla volta ad avvicinarsi al banco dell’aula dove siedono il sindaco e gli assessori, mentre ai lati assistevano alla breve cerimonia tutti i consiglieri, i quattro giovanissimi hanno ringraziato, mettendosi volentieri a disposizione per la foto di rito. Il più giovane del gruppo, Manuel Giacaz, che frequenta il secondo anno al Carducci, è stato il primo a essere chiamato, seguito da Nicolò Ermanno Millo, al terzo anno del Volta, dal suo pari età Javier Goyeneche, anch’egli al terzo anno, ma al Carducci, mentre a chiudere è stato Paolo Urizio, al quarto anno dell’Oberdan. Una variegata rappresentanza di diversi corsi di studio dunque. «Con l’auspicio – ha concluso Pallotta – che questo piccolo ma significativo contributo possa spronarvi a studiare con sempre maggiore profitto». Manuel, Nicolò, Javier e Paolo hanno promesso che si impegneranno ancora di più.

La seduta è poi proseguita con l’approvazione all’unanimità del testo della mozione di sostegno ai 123 lavoratori della società Burgo group Spa a rischio licenziamento. Il documento punta a «un forte coinvolgimento della Regione».

Si è parlato poi delle proprietà collettive, il cui regime è stato recentemente oggetto di una nuova legge dello Stato. Il consigliere di opposizione Mitja Ozbic ha detto che «in ragione della nuova normativa, tali proprietà non possono più essere inserite nel novero degli immobili che fanno parte del patrimonio del Comune». Gli assessori Stefano Battista e Andrea Humar hanno replicato, spiegando che «la legge deve ancora entrare in vigore, perciò il problema si affronterà a tempo debito». L’assessore Lorenzo Pipan ha infine annunciato che «i chioschi della baia di Sistiana potranno operare tranquillamente nelle prossime due

stagioni, in virtù della proroga delle concessioni, rinnovate fino a tutto il 2019. Nel frattempo indiremo la gara per rendere omogeneo l’ambiente della baia di Sistiana, fulcro dell’attività turistica nel nostro territorio, in modo da valorizzarlo».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro