Quotidiani locali

Savogna, il 2018 è l’anno del nuovo parcheggio

L’opera al centro della discussione stasera in Consiglio comunale. Costo dei lavori: 410 mila euro

SAVOGNA. Il 2018 sarà l’anno delle opere pubbliche e soprattutto di due interventi molto attesi, a Savogna d’Isonzo, il completamento dell’area dell’ex campo sportivo, con il parcheggio a servizio della scuola elementare, e probabilmente anche la nuova scuola materna alle spalle del Kulturni Dom. La prima opera costituisce il nocciolo del piano dei lavori pubblici al centro della discussione del Consiglio comunale di questa sera (inizio alle 18.30), per una seduta che si annuncia tanto corposa quanto importante. Sono ben 18 i punti all’ordine del giorno, e tra questi figurano anche appunto l’approvazione del bilancio di previsione (che chiude se 3,8 milioni di euro) e del piano triennale delle opere pubbliche, quella del piano di alienazioni e valorizzazioni immobiliari, o la determinazione delle aliquote e delle detrazioni di Imu, Tasi, Tari e Irpef. Valori, questi, congelati al quadro dell’anno passato, per una precisa scelta dell’amministrazione, con Imu e Tasi ad esempio che al pari degli anni precedenti secondo la normativa nazionale non dovranno essere pagate per la prima abitazione. «Non abbiamo aumentato nessuna aliquota – dice il sindaco di Savogna d’Isonzo, Alenka Florenin -, malgrado il taglio dei trasferimenti dalla Regione di circa 20 mila euro che verranno a mancare dalle casse comunali. Abbiamo cercato di recuperarli tagliando un po’ qui e un po’ lì dalle spese dei vari uffici, mantenendo inalterati i servizi e nella speranza di rientrare ovviamente nel corso dell’anno».

Riguardo ai lavori pubblici, di certo di qui alla fine del 2018 partirà e si concluderà l’intervento per il parcheggio che completerà sia da un punto di vista funzionale sia da quello estetico il recupero dell’area dell’ex campo sportivo. Il costo dell’opera è di 410mila euro, in arrivo dalla Regione (287 mila) e da mutuo aperto dal Comune per i restanti 123 mila euro. I posti auto saranno una trentina, più alcuni stalli riservati ai disabili, e l’intervento realizzerà anche il nuovo accesso alla scuola e quello riservato agli autobus. Potrebbe aprirsi nel 2018 anche il cantiere per la scuola d'infanzia per un investimento finanziato dal Cipe, ma non ancora confermato ufficialmente, di 1,6 milioni di euro. Qui troveranno posto le due sezioni dell’asilo di Savogna e di quello di Rupa, ospitato provvisoriamente (ma ormai da tempo) nella sede della Protezione civile di San Michele del Carso. Tra i punti all’ordine del giorno del Consiglio c’è poi l’adesione al Patto dei sindaci per il clima e l’energia, che riporta alla grande attenzione il tema dell’ambiente fortemente voluta dall'amministrazione. «Si tratta di un accordo che punta a condividere buone pratiche per la riduzione dell’inquinamento e il miglioramento dell’efficienza energetica sul territorio – dice Alenka Florenin -, già presentato ai cittadini nelle scorse settimane».

Il 2018 vedrà anche l’introduzione del mastello per il secco residuo nel sistema di raccolta differenziata (da aprile in poi),

mentre dovrebbero partire nei prossimi mesi anche i lavori per la nuova rete fognaria. In tal senso il 12 marzo alle 18, nella sala della banca, si terrà un incontro pubblico con l’assessore regionale Sara Vito e il direttore di Irisacqua Paolo Lanari.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro