Quotidiani locali

La rivoluzione dei Distretti Sagrado finisce in Bisiacaria

La riforma sanitaria regionale va di pari passo con la formazione delle Uti Anche Torviscosa cambia ambito: farà parte della Bassa friulana orientale

La riforma sanitaria regionale procede con alcune messe a punto necessarie a un’armonizzazione con i nuovi assetti delle Unioni territoriali intercomunali (Uti). Un processo comunque graduale per non creare disagi all’utenza e disfunzionalità varie. L’attuazione della legge, in particolare, ha imposto alcune modifiche da parte dell’Azienda sanitaria Bassa Friulana–Isontina per il Comune di Sagrado che andrà a far parte del Distretto Basso Isontino e non più del Distretto Alto Isontino, come precedentemente disposto. Qualcosa di simile avverrà anche per altri Distretti fuori dal Goriziano. Il piano di riordino attuale per il prossimo futuro prevede, ad esempio, lo spostamento del Comune di Torviscosa dall’Unione della Bassa Friulana occidentale all’Unione della Bassa Friulana orientale. Tutto questo perché, da quanto si legge in una recente delibera dell’Azienda sanitaria Bassa Friulana-Isontina, c’è una stretta relazione tra la perimetrazione delle Uti, gli ambiti socio-assistenziali e le articolazioni territoriali dei distretti sanitari. È emersa così la necessità di procedere alla “riperimetrazione” complessiva degli ambiti distrettuali, adeguandone la conformazione a quella delle Uti.

Il processo darà vita alle seguenti formazioni: il Distretto Basso Isontino comprenderà i Comuni di Doberdò del Lago, Grado, Fogliano-Redipuglia, Monfalcone, Ronchi dei Legionari, Sagrado, San Canzian d’Isonzo, San Pier d’Isonzo, Staranzano e Turriaco. Il Distretto Alto Isontino agglomererà, invece, Capriva del Friuli, Cormons, Dolegna del Collio, Farra d’Isonzo, Gorizia, Gradisca d’Isonzo, Mariano del Friuli, Medea, Moraro, Mossa, Romans d’Isonzo, San Floriano del Collio, San Lorenzo Isontino, Savogna d’Isonzo e Villesse. Nel realizzare questa nuova distribuzione, si è tenuto anche conto, su un altro fronte, che dal primo febbraio scorso è stato istituito il Comune di Fiumicello-Villa Vicentina mediante una fusione dei Comuni di Fiumicello e Villa Vicentina. L’Azienda sanitaria Bassa friulana-Isontina posticipa comunque alcune decisioni correlate. Infatti, «ritiene opportuno demandare ad un successivo provvedimento la composizione territoriale della Aggregazioni funzionali territoriali (Aft) riservandosi, altresì di fornire indicazioni in merito alle nuove Medicine di gruppo integrate (Mgi) interessate dalle variazioni introdotte tramite la riperimetrazione degli ambiti distrettuali avente ricadute anche sulle Aft, istituite con decreto il 31 marzo 2016».

Le Aft sono costituite da un insieme di professionisti sanitari riuniti in un territorio omogeneo e coordinati da un medico di Medicina generale. Ai medici delle Aft verrà affidata, in pratica, la tutela della salute della popolazione di riferimento. Nella nostra zona sono comunque già previsti degli assetti.

Per quanto riguarda l’Isontino, la sede distrettuale Aft di Gradisca d’Isonzo contemplerà, oltre a Gradisca naturalmente, Farra d’Isonzo, Romans, Sagrado e Villesse. La nuova riperimetrazione di quest’ultimi ambiti territoriali, disposta con gli attuali provvedimenti, dovrà comunque attendere prima di essere operativa. Il nuovo assetto dovrà comunque essere messo a regime entro il 31 dicembre del 2018 per quanto concerne la modifica degli ambiti territoriali.

Fino alla fine dell’anno, in via transitoria, verrà quindi mantenuto l’attuale assetto complessivo dei distretti esistenti al fine di evitare disfunzionalità rispetto agli ambiti territoriali e alle Aggregazioni funzionali territoriali (Aft).

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro