Quotidiani locali

La bora oltre i 130 all’ora Giù rami, scooter e coppi

Madre e figlia in sella spinte da una forte raffica contro un palo sulle Rive All’ex Pescheria volano via pezzi di impalcatura. Bloccata l’attività in porto

Impietose sferzate di bora con raffiche a oltre 130 chilometri all’ora. Più di 50 gli interventi dei vigili del fuoco per alberi sradicati, ponteggi pericolanti e calcinacci caduti. Porto bloccato con attivate le procedure di sicurezza per forte vento. Decine e decine i mezzi a due ruote abbattuti, e sulle Rive una mamma in sella a uno scooter con la sua bimba finiscono contro un palo per una folata. In Costiera lavori urgenti per massi a rischio caduta. Questa, ieri, la situazione sul territorio triestino.

La Protezione civile ha emanato un allerta meteo “giallo” su Trieste per vento forte, nevicate già intorno ai 200 metri con fiocchi anche in città. Possibile ghiaccio sulle strade. Così il vicesindaco Pierpaolo Roberti: «Sono aperti i centri per la distribuzione del sale sull’Altipiano. La situazione è costantemente monitorata. Non andate su Molo Audace». La bora è arrivata in città con tutta la sua forza, con raffiche dunque anche oltre i 130 all’ora. Giornata campale, quella di ieri, per vigili del fuoco, polizia locale e protezione civile. Gli interventi delle squadre dei pompieri di Trieste centrale, Muggia e Opicina, sono stati come accennato più di 50. Un grosso albero sradicato in via Vespucci ha richiesto la messa in sicurezza da parte dei vigili del fuoco, per evitare che si abbattesse sulla strada. Sulle Rive intervento all’ex Pescheria, per un ponteggio pericolante dal quale sono volate via diverse lamiere. Sempre sulle Rive, intorno alle 15. 30 all’altezza di piazza Unità, una fortissima raffica ha sbalzato uno scooter con madre e figlia in sella contro un palo dell’illuminazione pubblica. La madre, S.M. di 56 anni, e la figlia, L.C. di 13, sono rimaste ferite lievemente e sono state trasportate in ospedale. Al mattino invece, a complicare una situazione già di per sé molto problematica, intorno alle 9, è avvenuto un brutto incidente tra una moto di grossa cilindrata e un’auto in via Rossetti, all’incrocio con via Buonarroti. Gravissime le condizioni del motociclista 48enne, S.F. le sue iniziali. Sbalzato dalla sella, dopo un volo di diversi metri, è piombato al suolo riportando gravissimi traumi. Soccorso prontamente da un’auto medicalizzata e un’ambulanza è stato trasportato all’ospedale di Cattinara in terapia intensiva. Le sue condizioni sono molto gravi e la prognosi è riservata. Il conducente dell’auto, un 77enne triestino, L.M., è rimasto illeso. La causa dello scontro è da imputare a una mancata precedenza da parte dell’auto. Sul posto la polizia locale per i rilievi e la viabilità. Via Rossetti è rimasta chiusa per oltre due ore con auto e mezzi pubblici deviati per via Ginnastica.

Problemi anche in Costiera per il forte pericolo di caduta massi, che ha indotto il sindaco del Comune di Duino Aurisina, Daniela Pallotta, a emanare un’ordinanza di lavori di somma urgenza per il tratto di strada interessato. Assoluto il divieto di utilizzo della palestra di arrampicata in prossimità dei lavori. Disposta ieri anche la chiusura del parco del Castello di Miramare per pericolo caduta rami. E pure il porto di Trieste ha bloccato tutti gli ingressi e le uscite dallo scalo. «Sono state attivate tutte le procedure di sicurezza per il porto, previste nei casi di forte vento», ha spiegato il segretario generale dell’Authority Mario Sommariva. «Lo scalo è sostanzialmente chiuso. Come previsto dalle procedure, squadre di operatori sono in costante monitoraggio degli ormeggi e delle strutture portuali per garantire il massimo della sicurezza». Sempre nella mattinata di ieri è stato sospeso il collegamento marittimo tra Trieste e Muggia del Delfino verde. «Monitoriamo la situazione di minuto in minuto con continui aggiornamenti della Protezione civile, della polizia locale e della Trieste trasporti», ha dichiarato il vicesindaco Roberti. «Attenzione a passare con mezzi telonati sulle Rive ed evitate di andare sul Molo Audace». Il vicesindaco ha inoltre informato dell’apertura dei centri di distribuzione sale di Opicina e di Prosecco, raccomandando di proteggere i contatori esterni dell’acqua e le tubature, lasciando aperto un leggero filo d’acqua, nei casi di forti gelate.

Per oggi e i prossimi giorni sono previsti cielo coperto, precipitazioni

e nevicate intorno ai 200 metri, bora con raffiche molto sostenute e formazione di ghiaccio sulle strade. In attesa del forte vento proveniente dalla tundra, che secondo le previsioni entrerà in scena tra sabato e domenica con il suo gelo siberiano.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro